Riforma Inpgi, ok dai ministeri alle clausole di salvaguardia

Via libera dai ministeri vigilanti delle clausole di salvaguardia previste nella riforma dell'Inpgi. "Una buona notizia per tutta la categoria", commentano il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, e la presidente dell'Inpgi, Marina Macelloni.

Le tutele per i giornalisti disoccupati o dipendenti in aziende in stato di crisi erano state sospese in attesa di maggiori informazioni sulla platea interessata e sull'impatto sull'equilibrio della gestione. Ora il Ministero del lavoro ha espresso parere favorevole alle clausole completando, così, il percorso di approvazione della riforma. "La misura – continua la nota congiunta di Fnsi e Inpgi – consentirà a 183 colleghe e colleghi disoccupati o dipendenti di aziende in stato di crisi di poter maturare i vecchi requisiti di accesso alla pensione entro dodici mesi dalla data di approvazione della riforma (21 febbraio 2017). Si tratta di una misura di tutela importante in un momento così difficile per tutto il settore. Con buona pace di chi, anche all’interno della categoria, aveva già preconizzato scenari catastrofici, la stretta collaborazione fra Fnsi e Inpgi ha consentito di avviare una positiva interlocuzione con il ministero del Lavoro e di far valere le ragioni di colleghe e colleghi che avrebbero rischiato di diventare esodati". "Viene dunque riaffermata la necessità di salvaguardare le posizioni di colleghe e colleghe più deboli così come nello spirito della manovra di riequilibrio dei conti approvata dall'Inpgi con il sostegno delle parti sociali", concludono Lorusso e Macelloni.