Formazione, arriva la black list per i giornalisti che non cancellano le prenotazioni ai corsi

Iscriversi ad un corso di formazione e poi non parteciparvi senza cancellarsi dalla prenotazione. E' la cattiva abitudine dei giornalisti che si iscrivono agli eventi di formazione obbligatoria attraverso la piattaforma di gestione S.i.ge.f. Contro questo malcostume che penalizza i colleghi in lista di attesa, la piattaforma Sigef ha attivato una nuova funzionalità. Lo rende noto la newsletter dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia firmata dal presidente Gabriele Dossena. "Abbiamo più volte segnalato nelle nostre newsletter precedenti – si legge – che questa abitudine danneggia chi è in lista di attesa". A partire da gennaio 2017, pertanto, "se un giornalista s'iscrive a un corso e, nel caso non possa più partecipare non si cancella, entra automaticamente in una black list che nelle successive registrazioni gli permetterà d'iscriversi solo in lista d'attesa". L'Ordine ricorda altri punti fondamentali del regolamento della formazione continua, ovvero che chi è iscritto da meno di 30 anni deve aver acquisito 60 crediti formativi nel triennio 2014-2016, di cui almeno 15 ogni anno e 20 deontologici nel triennio; mentre chi è iscritto da più di 30 anni deve aver acquisito solo i 20 crediti deontologici nel triennio. I crediti eccedenti i 60 conseguiti nel triennio 2014-2016 non sono trasferibili nel triennio 2017-2019. I colleghi pensionati, invece, non in attività sono esentati dalla formazione ma devono fare richiesta scritta a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Entro il 31 marzo 2017, inoltre, si legge, "l'Ordine regionale di appartenenza provvederà a segnalare le irregolarità sui crediti mancanti. Gli interessati avranno ulteriori 90 giorni a disposizione per mettersi in regola".