Forza Nuova. Invito con minaccia ai media di Parma: partecipate o presidieremo le vostre sedi

"Aspettiamo una vostra risposta, nel caso contrario provvederemo ad organizzare dei presidi sotto le vostre sedi". L'ultima trovata di Forza Nuova è l'invito alle testate giornalistiche "con minaccia". Questo messaggio, infatti, è stato ricevuto dalle principali redazioni giornalistiche di Parma invitate da Forza Nuova ad una "passeggiata" della sicurezza, organizzata dai militanti del movimento di estrema destra, per denunciare "una situazione di estremo degrado, incuria, spaccio e insicurezza, dove bande di extracomunitari si dedicano al loro business quotidiano". Il testo...

Leggi tutto

Il New York times racconta la storia di Paolo Borrometi

Fare il giornalista in Italia e denunciare gli affari della mafia. Se ne è occupato niente di meno che il New York Times raccontando la storia di Paolo Borrometi, reporter finito sotto scorta dopo essere stato minacciato da "Cosa nostra" per i suoi reportage "scomodi" pubblicati sul sito "La Spia". Il giornale lo ha intervistato in una corrispondenza di Gaia Pianigiani, al termine di un suo intervento in un liceo della Capitale, uno dei tanti in cui è impegnato quando non è al lavoro sulle inchieste per svelare i legami tra mafia e mondo degli affari. Proprio i suoi...

Leggi tutto

Messico. Ucciso un altro giornalista: è il 75simo dal 2010

Si chiama Juan Carlos Huerta ed è il settantacinquesimo giornalista ucciso in Messico dal 2010 ad oggi. Giornalista radiofonico e televisivo, Huerta è stato ucciso ieri mattina a colpi d'arma da fuoco per strada, in un agguato nei pressi di casa sua a Villahermosa, nella regione di Tabasco, nel sud dello Stato. Si è trattato di un'esecuzione vera e propria come confermato dallo stesso governatore della regione, che probabilmente finirà come sono finite tutte le altre 74 morti precedenti, ovvero senza nessun colpevole. Come ha sottolineato recentemente la...

Leggi tutto

Garante Privacy. Il datore di lavoro non può leggere la posta del giornalista

Il datore di lavoro non può leggere la posta del giornalista. Lo ha sancito il Garante della privacy in merito ad un quesito sollevato da un collega di Radiocor Plus. Federazione Nazionale della Stampa italiana, Associazione Lombarda dei Giornalisti e Associazione Stampa Romana hanno salutato con favore la decisione del Garante. "Il collega – spiegano in una nota – era stato sottoposto a procedimento disciplinare da parte del Sole 24 Ore, procedimento chiuso con un licenziamento, anche in base al materiale raccolto con accesso alla mail aziendale. Il Garante ha ritenuto...

Leggi tutto

Impastato. I giovani manifestano contro la mafia a 40 anni dall'omicidio

"Con il coraggio delle idee di Peppino noi continuiamo". "La mafia uccide il silenzio pure". Sono gli striscioni che hanno preceduto il corteo in memoria di Peppino Impastato, ucciso 40 anni fa dalla mafia. Da Radio Aut, a Terrasini, da dove Peppino irrideva la mafia di Tano Badalamenti, e lanciava le sue denunce, a Casa Mamoria Felicia e Peppino Impastato, a Cinisi, luogo che tiene viva l'attualità della lezione del militante e giornalista. Centinaia di studenti hanno invaso Cinisi e, davanti al casolare in cui fu ucciso dagli sicari del boss, hanno gridato forte: "Noi odiamo la...

Leggi tutto

Stampa Subalpina inaugura il primo coworking per giornalisti freelance

Aprirà lunedì 7 maggio il primo coworking per giornalisti freelance. L’iniziativa è dell’Associazione Stampa Subalpina, il sindacato dei giornalisti del Piemonte, che ha voluto creare un luogo dove ospitare la comunità dei giornalisti torinesi freelance e indipendenti: un habitat favorevole all'innovazione, all'incontro con professionisti di altri settori, per tessere reti e mettere in pratica quel mix professionale necessario per ricostruire l'odierno mercato dell'informazione. Un luogo di "empowerment "personale per combattere l'isolamento e per...

Leggi tutto

World press freedom day, Mattarella: “Proteggerla dalle violenze”

"Una nuova stagione di violenze contro la stampa, in Italia, in Europa, nel mondo, sembra riaffacciarsi: ancora oggi aggressioni e intimidazioni minacciano il lavoro di quei cronisti che non si piegano alla logica di interessi e poteri illegali e della criminalità, recando così un contributo rilevante alla causa della democrazia. con queste parole, il presidente Mattarella ha ricordato la Giornata mondiale per la Libertà di Stampa che si è tenuta ieri, 3 maggio 2018. "Occorre sostenere il loro lavoro - ha aggiunto il presidente della Repubblica riferendosi ai...

Leggi tutto

Consiglio D'Europa: approvati due rapporti in difesa dei giornalisti

Le condizioni di lavoro dei giornalisti continuano a deteriorarsi, hanno giornate lavorative sempre più lunghe, pressioni per pubblicare sempre di più e, di conseguenza, meno tempo per controllare l'esattezza dei fatti, ma anche per condurre inchieste su questioni delicate. Aumentano tra i loro ranghi le vittime d'intimidazioni, di attacchi verbali e fisici, che possono arrivare fino al loro omicidio. Inoltre continua a crescere, a ritmi sostenuti, il numero di freelance, che non hanno gli stessi diritti dei giornalisti assunti. A lanciare l'allarme sulla situazione dei...

Leggi tutto

Rsf, libertà di stampa. Italia risale al 46simo posto ma aumentano violenze su giornalisti

L’Italia migliora la sua posizione nella classifica della libertà di stampa ma crescono le minacce contro i giornalisti. Questo, in breve, è il quadro dipinto da Reporters Sans Frontières per il 2018 nella sua graduatoria annuale sulla libertà di stampa nel mondo. L'Italia risale dal 52° al 46° posto ma resta sempre staccata dai mpaesi europei più virtuosi. Dal World Press Freedom Index emerge che il nostro Paese ha un coefficiente sulle limitazioni alla libertà per i media di 24,12 (era 26,26), appena più alto di quello degli...

Leggi tutto

Landolfi-Lupo: l'ex ministro si scusa per lo schiaffo al giornalista

Si è conclusa con le scuse in diretta dell’ex ministro Mario Landolfi al giornalista Danilo Lupo, nello studio di “Non è l’Arena”, la vicenda dello schiaffo data dal primo al secondo. Ieri sera Lupo, durante la puntata del programma condotto da Massimo Giletti su La7, ha detto: "Io rinuncio a tutto, non voglio un centesimo, però voglio che l'onorevole Landolfi metta insieme un bell'assegno, una cifra pari a qualche vitalizio mensile e lo consegni al fondo della Fnsi messo a disposizione per i giornalisti vittime di minacce, intimidazioni e querele...

Leggi tutto

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.