Bbc, i giornalisti si tagliano lo stipendio contro le disparità di genere

In segno di solidarietà con le colleghe donne alcuni dei più noti conduttori della Bbc hanno annunciato di volersi ridurre il proprio stipendio. La decisione arriva dopo le ultime polemiche sulla disparità di trattamento salariale fra uomini e donne nell'emittente pubblica britannica, seguite alla denuncia e alle clamorose dimissioni pubbliche della giornalista Carrie Gracie.

Fra loro il conduttore radiofonico Nicky Campbell, che ha fatto l'annuncio mentre era in onda durante il suo programma su Bbc 5. Oltre a lui nella lista ci sono altri presentatori e giornalisti come Jeremy Vine, John Humphrys, Huw Edwards e Jon Sopel. Tutti hanno stipendi compresi fra le 200 mila e le 750 mila sterline l'anno. Ad esempio Sopel, come rileva la stessa Bbc sul suo sito, è nel gruppo di dipendenti che incassano tra le 200 mila e le 250 mila sterline, per il suo posto di capo dell'ufficio di corrispondenza negli Usa, mentre Gracie ne guadagnava 135 mila, nonostante l'incarico simile nella sede di Pechino.

Intanto è atteso per la prossima settimana un rapporto indipendente sul divario salariale all'interno dell’emittente pubblica, mentre Gracie porterà la sua testimonianza di fronte ad una commissione parlamentare.

L'iniziativa di 'autoregolamentazione' è stata accolta con entusiasmo dall'emittente pubblica, che così può tirare un sospiro di sollievo dopo le forti critiche ricevute nelle scorse settimane. "Sono grandi giornalisti e presentatori che hanno un forte legame col pubblico. Siamo fieri di averli alla Bbc", ha detto un portavoce dell'istituzione radio-televisiva, aggiungendo che i dettagli della riduzione di stipendio sono in discussione.

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.