#StopTheBias. Trump attacca Google e Cnn

Donald Trump torna alla carica contro i mass media americani. In particolare le sue attenzioni si sono rivolte alla Cnn e a Google e gli altri principali social network.

Nelle sue accuse a suon di cinguettii su Twitter il presidente americano ha definito la Cnn "fasulla" il suo giornalista Carl Bernstein, l'ex reporter del Washington Post che assieme a Bob Woodward nel 1972 indagò sullo scandalo del Watergate, di essere superficiale e negligente: è un uomo - ha scritto sul social network il presidente Usa - che vive nel passato e che inventa storia dopo storia, fake news".

Trump è poi tornato alla carica contro Google. Il presidente Usa ha pubblicato un video su Twitter che mostra come l'home page di Google abbia promosso i live broadcast dei discorsi sullo stato dell'Unione di Barack Obama, suo predecessore,ma non i suoi interventi davanti al Congresso.

Il post, accompagnato dall'hashtag #StopTheBias, ha fatto seguito alle accuse di martedì rivolte a Google, il cui motore di ricerca, a detta di Trump, mette in evidenza notizie a lui sfavorevoli e critiche.

"Questa è una situazione molto seria – sarà affrontata!", aveva twittato, segnalando possibili azioni governative nei confronti del colosso di Mountain View, ribadendo poi nelle ore successive – chiamando in causa anche i social – "Farebbero meglio a stare attenti, perché non possono fare ciò che fanno alla gente".

"Il 30 gennaio 2018 abbiamo messo in evidenza sulla nostra homepage il livestreaming del discorso sullo Stato dell'Unione del presidente Trump", ha replicato prontamente Big G. "Storicamente non promuoviamo il primo intervento in Congresso di un nuovo presidente, che tecnicamente non è un discorso sullo Stato dell’Unione. Di conseguenza non abbiamo" pubblicizzato su Google.com "i discorsi nè del 2009 nel del 2017".

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.