Giornali e quotidiani gratis. La Gdf chiude 50 siti pirata

Diffondevano gratuitamente online interi giornali e riviste nazionali ed estere. Per questo il Nucleo speciale per la radiodiffusione e l'editoria della Guardia di Finanza, nell'ambito di una indagine denominata "Odissea 2", ha eseguito, questa mattina, il sequestro preventivo di 50 domini web. Il sequestro, attuato con l'oscuramento dei siti, riguarda pagine internet che consentivano di fruire illecitamente di una serie di testate, tra cui Il Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, la Stampa, Il Giornale, Italia Oggi, Libero, Il Messaggero, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport, Tuttosport, nonché periodici di larga diffusione, quali Panorama, Chi, Tv Sorrisi e Canzoni, Focus, Cosmopolitan, Fashion Magazine, Vanity Fair, Auto Sprint, Elle e Gente, per citarne solo alcuni. "Odissea 2", coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, rappresenta l'epilogo di una complessa attività investigativa condotta dal Nucleo Speciale, su specifiche direttive del Comando Unità Speciali della Guardia di Finanza. Nel corso delle indagini sono stati individuati molti siti e domini che, utilizzando appositi servizi telematici che assicuravano l'anonimato, consentivano loro di risultare, apparentemente, al di fuori del territorio nazionale, cosa che rallenta notevolmente la capacità di repressione delle Forze dell'Ordine. Per riuscire a rintracciare i cybercriminali gli agenti delle fiamme gialle hanno sfruttando una nuova strategia investigativa denominata "follow the hostings" che ha portato gli agenti a richiedere al provider di verificare la presenza di "un servizio Web Hosting, Cloud Hosting, VPS Hosting, Server Dedicato, oppure la fornitura di un servizio per il trasferimento o registrazione del nome a dominio". Tramite queste informazioni è stato dunque possibile identificare l'organizzazione che operava dietro questi siti pirata che, a differenza del passato, non monetizzava attraverso i banner pubblicitari presenti sui portali ma tramite degli abbonamenti mensili che venivano richiesti agli utenti per poter accedere al materiale pirata.