Watch, la tv di Facebook arriva in Italia

Facebook lancia la sua sfida alla televisione tradizionale anche in Italia. Lo fa lanciando "Facebook Watch" ad un anno di distanza dal suo debutto negli Stati Uniti.

La notizia è stata diffusa da un post ufficiale di Fidji Simo, capo della sezione video del social network, che ha scritto: "Da oggi Facebook Watch è disponibile ovunque, per dare agli utenti di tutto il mondo un nuovo modo di scoprire video e interagire con amici, creatori e altri fan".

La sfida è lanciata e non solo alla tv tradizionale, ma anche a servizi come YouTube, Amazon e Netflix.

Per ora i risultati oltreoceano dicono che 50 milioni di americani guardano Facebook Watch per almeno un minuto una volta al mese. Qui possono trovare contenuti di intrattenimento, spiega il social, ma anche sport e notizie.

"Watch – sottolinea Facebook – significa anche nuove opportunità per i creatori e gli editori di tutto il mondo. Stiamo espandendo il nostro programma Ad Breaks in modo che più partner possano guadagnare dai loro video".

Ma come funziona la nuova piattaforma? Il primo accostamento è quello con YouTube che presenta caratteri simili a Facebook Watch. Tuttavia il servizio di Fbg presenta alcune sostanziali differenze a partire dalla selezione dei contenuti stessi. I video saranno proposti principalmente in base alle preferenze dell'utente, espresse attraverso i "Mi piace" su pagine ufficiali e post degli amici.

Naturalmente non mancheranno veri e propri programmi studiati ad hoc per la piattaforma: in america alcuni show sono diventati subito virali come "Red Table Talk" con Jada Pinkett Smith, e il documentario sul magnate del settore della cosmesi Huda Kattan, "Huda Boss".

Facebook però si è spinto oltre con la trasmissione in live streaming di alcuni match della Major League of Baseball, a cui si aggiunge la messa in onda della serie "Sorry For Your Loss", con protagonista l’attrice statunitense Elizabeth Olsen, aprendosi dunque uno spiraglio fra le tante proposte di Internet TV.

Watch proporrà intrattenimento, sport, news e molto altro grazie ad un feed che può essere personalizzato e adattato ai propri gusti in ogni istante con un clic.

Sarà inoltre possibile “salvare” in una sezione apposita i video che si intendono guardare in un secondo momento mentre si scorre la propria home. Al momento tutto può sembrare particolarmente confuso, la società in realtà è già al lavoro per rendere più facile la ricerca e l’individuazione dei contenuti.

Particolare attenzione è stata rivolta all'interazione tra pubblico ed editori, la vera e propria novità di Watch. Gli utenti potranno commentare i contenuti durante la visione, in modo del tutto simile a quanto accade con le dirette Facebook, e interagire con i contatti online in quel momento, editori inclusi.

Facebook ha pensato di ricreare una vera e propria visione collettiva chiamata "video party" che verrà sfruttata durante le prime visioni e gli eventi live, oppure con show incentrati sulla partecipazione del pubblico. Una sorta di social room virtuale della quale potenzialmente tutti possono entrare a far parte. Qui però il pubblico da spettatore passivo e semplice commentatore può ritrovarsi anche protagonista dello show stesso.

Primo importante esperimento di questo tipo è il quiz a premi Confetti, lanciato lo scorso luglio negli USA. Una notifica informerà dell’inizio imminente delle trasmissioni live o circa la pubblicazione di un nuovo video da parte di un editore di proprio interesse.

Per accedere a Watch su iOS e Android, basta cercare l'icona di Watch nella barra dei collegamenti rapidi o il segnalibro "Altro" su Android, iOS o sul web. È possibile trovare Watch anche su smart TV e set top box tra cui Apple TV, Samsung Smart TV, Amazon Fire TV, Android TV, Xbox One e Oculus TV così da godersi i contenuti comodamente sul divano.

Visita anche:

Informa - Testata a cura del centro di Documentazione Giornalistica - www.cdgweb.it
Interviste ai protagonisti. Servizi sui temi di attualità che coinvolgono il mondo dei media. Gli appuntamenti da non perdere. Informa,  rivista di aggiornamento permanente sui temi del giornalismo, della comunicazione e delle relazioni pubbliche.