Satellite, digitale terrestre e banda larga: Sky si prepara alla “guerra” della pay Tv

0
205

Da giugno strategia multipiattaforma (satellite, digitale terrestre, banda larga e fibra) per Sky Italia. La media company si prepara alla “guerra” delle pay tv e per farlo al meglio ingaggia nuovi “generali”. All’orizzonte lo sbarco di un bouquet di canali Sky-Fox-Mediaset Premium sul digitale terrestre; il rafforzamento del bouquet satellitare, con un’offerta d’appeal soprattutto su sport (grazie ai nuovi diritti tv di champions League ed Europa League) e cinema (ospitati i 9 canali di Premium Mediaset); e presto tutta l’offerta Sky – arricchita dall’accordo con Netflix – sbarcherà in forze sulla rete a banda larga. Senza contare la Fibra – su infrastruttura ultrabroadband di Open Fiber – grazie al patto con l’operatore wholesale.

“Grazie agli accordi strategici delle ultime settimane, Sky ha dato basi certe alla sua crescita, ha esteso il profilo del suo business e completato la sua trasformazione in Media Company multipiattaforma con più modelli di business” – ha commentato Andrea Zappia, Amministratore Delegato di Sky Italia. “Ora abbiamo creato i presupposti organizzativi per trasformare tutto questo in opportunità concrete. Nel farlo possiamo contare come sempre sulla qualità del nostro management, sull’investimento continuo nella crescita dei nostri talenti interni e sull’entusiasmo con cui in Sky sappiamo affrontare il cambiamento. Questo nuovo assetto organizzativo è ispirato da un modello di leadership diffusa, che ci permetterà di prendere decisioni con rapidità e di guidare ogni area con grande determinazione. La crescita è il nostro focus e questa nuova organizzazione ha questo scopo”.

Una vera e propria invasione Sky, che necessita di una riorganizzazione e di nuovi “generali”. L’area Marketing & Sales, che in questi anni ha ampliato il suo raggio d’azione, verrà riorganizzata in due diverse aree per garantire la massima focalizzazione sugli obiettivi e verranno affidate a due manager di talento. Francesco Calosso è stato nominato Chief Marketing Officer. Daniele Ottier è stato nominato Chief Commercial Officer. La focalizzazione e lo sviluppo di sinergie tra ambiti che hanno una naturale propensione all’integrazione è il criterio con cui nasce una nuova area che unirà in un’unica struttura le attività di Sky Media e quelle del Digital Hub. La guida di questa nuova area verrà affidata a Giovanni Ciarlariello che assumerà il ruolo di Chief Media, Digital & Data Officer, accorpando sotto la sua responsabilità le attività digital e quelle della nostra concessionaria, in modo da garantire il massimo focus sulla seconda area di ricavi dell’azienda rappresentata dall’advertising e favorire tutte le potenziali integrazioni con il Digital Hub, importante ambito di sviluppo per Sky.

Questa nuova organizzazione porta a un’estensione delle responsabilità di Domenico Labianca che è stato nominato Chief Operating Officer. Alle attuali responsabilità Finance, Domenico Labianca, aggiungerà infatti quelle relative alle Operations, con le aree di Customer Care, Customer Journey Design & Supply Chain e Customer Experience, nell’ottica di rinnovare il modello operativo dell’azienda per accrescerne l’efficienza e la qualità del servizio al cliente, puntando sulla semplificazione e su ciò che genera più valore per gli abbonati. In questo nuovo ruolo, Domenico Labianca potrà contare su Brett Aumuller, che assumerà il ruolo di Chief Financial Officer a suo diretto riporto.

Con l’obiettivo di gestire l’ingresso di Sky in una nuova strategica area di business Pietro Maranzana assumerà il ruolo di Chief Broadband Officer. Questi cambiamenti vanno a rafforzare l’attuale squadra di top management a diretto riporto di Andrea Zappia che comprende Andrea Scrosati, EVP Programming, Umberto Angelucci Chief Technology Officer, Davide Tesoro Tess EVP Strategy & Business Development, Riccardo Pugnalin EVP Communication & Public Affair, Francesca Manili Pessina EVP Human Resources, Luca Sanfilippo EVP & General Counsel ed Elia Mariani, recentemente nominato alla guida di NOW TV, la internet TV di Sky.

Approfondimenti