22 Gennaio 2021 – “Accade oggi: le notizie sui giornali” a cura di Telpress

0
308

LA TRAGEDIA NASCE SUI SOCIAL – In primo piano su tutti i quotidiani nazionali la tragedia della bimba di 10 anni morta dopo aver tentato una sfida su TikTok. Antonella morta per la sfida su TikTok, titola Repubblica (prima e p.37), la sorellina: “Era il gioco dell’asfissia”. Una bambina di dieci anni di Palermo è morta durante una sfida di resistenza al soffocamento sul social TikTok. Si è stretta attorno al collo una cintura con l’obiettivo di restare senza respiro più tempo possibile. E, intanto, registrava tutto col cellulare dentro il bagno di casa. Avrebbe dovuto liberarsi, a un certo punto, da quella morsa. Ma non ce l’ha fatta.
Antonella, l’infanzia perduta e l’ultima frase alla sorellina: “Vado in bagno, non entrare”, scrive invece la Stampa (p.3), La rabbia dello zio: “Il 118 non rispondeva”. La preside: non era tornata a scuola, temeva il Covid. La vicenda è al centro anche del “Caffè” di Massimo Gramellini sul Corriere (prima). Ogni epoca, scrive, ha le sue prove estreme di iniziazione e la società si è sempre posta il problema di limitarne i rischi. Chiudere i social è impossibile, persino patetico. Impedirne l’accesso ai bambini, difficile, perché un nativo digitale elude i divieti con la stessa facilità con cui noi schiacciamo un interruttore.

Nell’approfondimento “vite digitali” su Avvenire (p.2) si parla delle rivelazioni su caso Trump-social. Nelle nostre giornate, scrive Gigio Rancilio, si susseguono velocemente così tante cose che spesso finiamo con l’archiviare troppo in fretta questioni molto importanti. Una di queste è il caso della sospensione di Trump dai social. Se pensiamo che la cosa sia finita solo perché si è insediato Biden commettiamo un grave errore. Perché quella vicenda, scrive Rancilio, non riguarda solo Trump, ma la libertà di espressione di tutti e la responsabilità di ognuno di noi. Riguarda il potere dei social, la democrazia e la capacità politica dei governi.

IL MONDO DEL WEB – Sul Sole (p.20) si parla di corsa alla registrazione per il telefisco in diretta: c’è tempo fino al 27. Telefisco scalda i motori ed entra nell’ultima settimana prima dell’appuntamento con il convegno de L’Esperto risponde previsto per il 28 gennaio. L’edizione di quest’anno si svolge tutta online e su tre modelli. Con una necessità che va ricordata: i termini per la registrazione scadranno il prossimo 27 gennaio alle 19.

Il mito ci libererà dal male. Così invece Repubblica (prima e p.49) sottolinea che il testo dello scrittore Alessandro Baricco dopo il web, arriverà in libreria. Si tratta di pagine in cui lo scrittore riflette sulla pandemia. Ricordandoci che una crisi si supera trovando le parole giuste per dirla.

LA TELEVISIONE – Sanremo, piazze chiuse. Il sindaco: “Troppi rischi, avrei rinviato il festival”. Il direttore di Rai1 Stefano Coletta sarà ascoltato martedì in Commissione di vigilanza, mentre pare scontato, viste le polemiche, che il “caso Sanremo” sarà affrontato nel Cda del 28 gennaio. Il Codacons annuncia che è pronto a chiedere di bloccare il festival “se non saranno garantiti la sicurezza e la salute pubblica” dichiara il presidente Carlo Rienzi. La prossima settimana qualche nodo verrà sciolto, ma la strada resta lastricata di problemi.

Polo tv europeo, Mediaset sale oltre il 13% in ProsiebenSat (MF p.1-10, Sole p.17). Il Biscione aumenta la partecipazione diretta nella tv tedesca: il network italiano (tramite la controllata spagnola) rileva il 3,4% salendo oltre il 13% (24% con i derivati). La mossa permette di aumentare i diritti di voto. Intanto però il progetto del polo tv europeo resta in stallo.

Serie A, vertici riconfermati. Avanti sulla media company (Sole p.15). Agnelli e altri presidenti nel board della newco insieme ai private equity. L’assemblea è stata anche l’occasione per chiarire ufficialmente chi in rappresenzanza della Confindustria del pallone siederà nel board della media company. Nell’assise sono stati così eletti anche 5 dei 6 componenti membri, appannaggio della Lega Serie A, nella costituenda media company con i private equity.

RETE UNICA TLC. Gentlement agreement tra Enel e Cdp per prorogare di circa un mese (a febbraio) il termine per l’esercizio della prelazione sul 50% di Open Fiber, sul quale l’ente elettrico ha ricevuto un’offerta da Macquarie: il termine originario sarebbe scaduto oggi, ma tra le parti ci sarebbe stato uno scambio epistolare in quanto Cassa, per valutare la congruità del prezzo (2,65 miliardi più un earn out), ha richiesto di valutare l’intera struttura della proposta (Messaggero p.16).