24 Gennaio 2021 – “Accade oggi: le notizie sui giornali” a cura di Telpress

0
88

SOCIAL. Il Messaggero intervista Pasquale Stanzione, presidente dell’Autorità per la privacy, che due giorni fa ha disposto per TikTok il blocco almeno fino al 15 febbraio dell’utilizzo dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica. “Tutte le piattaforme  – dice l’Authority – dovrebbero rispettare l’età minima di prestazione del consenso. Il principio vale sempre, saremo rigorosi”.

SE NE VA IL “KING” DEI SALOTTI USA. È scomparso ieri a Los Angeles Larry King: dopo una lunghissima carriera televisiva, è stato stroncato all’età di 87 anni dal Covid il re delle interviste, padrone assoluto del salotto d’America. Dai presidenti americani alle più celebri star di Hollywood, tutti sono passati dai suoi talk show.

RASSEGNA STAMPA, GARA DEL PARLAMENTO. Bandita la gara d’appalto per la fornitura congiunta del servizio di rassegna stampa e tv e il monitoraggio di web e social per Senato e Camera dei Deputati. La scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione – come riportato dal Sole (p.5) – è prevista per domani, lunedì 25 gennaio. Possono partecipare le imprese che abbiano conseguito un fatturato complessivo nel settore non inferiore a 800mila euro, Iva esclusa.

SANREMO. Tra Covid e costi, a Sanremo sventola bandiera bianca? Si chiede il Fatto. Dubbi, paure, interessi e (poche) soluzioni: la kermesse per ora è confermata a marzo, ma anche Amadeus lancia l’ipotesi di rimandarla di un anno. E la Rai rischia di perdere molti soldi. Da Viale Mazzini lasciano filtrare: “Le priorità sono la sicurezza e la salute”. Ma il piano per uscire sani e salvi dal virus non è stato elaborato nei dettagli: c’è tempo fino a martedì, quando il direttore di Rai1 Coletta dovrà illustrarne una bozza alla Commissione di Vigilanza. L’idea è isolare chirurgicamente l’Ariston, predisponendo “uno show tv” e trasformando la città in una sorta di presidio sanitario in cui nessuno pascoli a caccia di cantanti o di vip. Inoltre la Rai ha virato sull’ingaggio di 380 figuranti, tamponati ma non necessariamente vaccinati: un’altra spesa di produzione per la tv pubblica. E Alessandra Comazzi sulla Stampa (in prima e p.19) segnala l’anniversario “burrascoso” per i 70 anni del Festival, tra virus e sponsor.

DIRITTI TV. Diritti tv, un calcio vecchio cerca soldi nuovi: difficile che li ottenga. i diritti valgono di meno e arriva Amazon. Se non cambierà nulla con Sky, spunteranno vecchie e nuove offerte tra Mediaset, Dazn, Tim e la tanto attesa Amazon, o magari ci sarà la rivoluzione del canale della Lega, che tutti continuano ad evocare e nessuno sa bene cosa vuol dire – scrive il Fatto -. I presidenti pretendono di incassare sempre di più, vogliono minimo un miliardo l’anno, ma il mercato non è una linea retta che aumenta all’infinito. Era asfittico da tempo, il Covid è stata la mazzata finale.