6 Febbraio 2021 – “Accade oggi: le notizie sui giornali” a cura di Telpress

0
728

GEDI AL FEMMINILE. Gedi rileva l’80% di “alfemminile”, leader nell’offerta web per le lettrici (Stampa p.20). “Con questa operazione diventiamo il primo polo digitale italiano dopo Google e Facebook in termini di audience femminile – dice Maurizio Scanavino, ad del gruppo -. È un significativo passo in avanti nel percorso di sviluppo strategico che proseguirà a pieno ritmo nei mesi a venire”. L’accordo con Unify (del gruppo francese Tf1), che manterrà la rimanente quota del 20%, consente di rendere “più ricca e completa l’offerta di informazione pensata appositamente per le sue lettrici”, scrive il gruppo in una nota.

DEBUTTO RECORD PER IL RIVALE DI TIKTOK. La cinese Kuaishou Technology, app di video brevi e rivale di TikTok, ha debuttato alla Borsa di Hong Kong triplicando il valore della sua Ipo, inizialmente valutata 5,4 miliardi di dollari – come riportano diversi quotidiani -. Il prezzo dell’azione Kuaishou è passata passa dai 115 dollari di Hong Kong iniziali a un top di 338 dollari, per chiudere a 300 dollari. Si tratta dell’Ipo più alta da 2 anni a questa parte per un’azienda internet. Kuaishou è controllata dal colosso tech cinese Tencent e diventa così la quinta società più ricca quotata alla Borsa di Hong Kong.

IPNOSI CLUBHOUSE. Il Domani mette nel mirino Clubhouse, il social network che sequestra le persone Si usa solo la voce e si parla in diretta, non si postano foto, video o frasi a effetto. Nulla rimane registrato. Gli utenti aumentano in maniera esponenziale, ma si rischia davvero di dimenticarsi della vita vera.  Chi non conosce questo nuovo social network, ideato nella Silicon Valley e ormai diventato affare a nove zeri di venture capital, ha ancora tempo per scappare e vivere in pace la sua vita. All’app si accede solo se arriva un invito. E se si ha un iPhone. A Milano chi non l’ha ancora ricevuto sta scalpitando. Se non lo fa, finge. Su Twitter c’è persino un hashtag dedicato, e gli accessi si trovano su Ebay o su Reddit a 150 euro l’uno.

DIRITTI TV. La Lega tratta con le tv. Passo avanti di Sky. In attesa della partita con i fondi da giocare in assemblea giovedì prossimo, la Lega avvia le trattative private coi broadcaster dopo che l’apertura delle buste non ha garantito risultati soddisfacenti. Non ha partecipato Eurosport, giudicata inammissibile Mediapro, lasciando spazio a Sky e Dazn, attuali detentori dei diritti domestici del campionato. Le nuove proposte, consegnate ieri alle 21 e aperte un’ora dopo, verranno esaminate lunedì dai presidenti: i rilanci si sono avvicinati al valore attuale dei diritti televisivi, ovvero 973 milioni annui. Del resto era apparso chiaro che la quota minima richiesta nel bando dalla Lega di 1 miliardo e 150 milioni fosse un traguardo difficile da raggiungere durante la crisi. Partiva in pole Dazn che per le 7 partite all’asta aveva messo sul piatto 650 milioni. E resta aggressiva ed è in vantaggio. Ma Sky ha rilanciato avvicinandosi all’investimento attuale di 780 milioni. In caso di bocciature delle nuove offerte, si passerà al bando per intermediari, ci fosse una fumata nera a quello per i partner del canale. Da ieri c’è un po’ di ottimismo.