Accade oggi 21 Gennaio 2021 – la rassegna Telpress delle notizie sui giornali

0
117

TORNA JACK MA. Jack Ma torna a farsi vedere, Alibaba riprende il volo. Era sparito il 24 ottobre, dopo avere contestato il Governo – riportano Sole e altri quotidiani -. Alibaba vola in Borsa a Hong Kong incassando l’8,52%, corre a Wall Street a cifra doppia dopo che il fondatore “pensionato” Jack Ma è riapparso. Lo ha fatto in maniera soft, via web, incontrando un centinaio di insegnanti di una scuola di campagna, pochi secondi a mercati aperti che hanno innescato un consistente flusso di acquisti in grado di ridare smalto al titolo.

SOCIAL & PRIVACY. WhatsApp modificherà le regole di ingaggio: cosa cambia per noi utenti? Italia Oggi (p.21) prova a rispondere ai dubbi di molti utenti. Dopo le polemiche per le informazioni poco chiare, posticipate al 15 maggio le novità per il suo utilizzo. Rinviati gli aggiornamenti previsti per l’8 febbraio e comunicati qualche settimana fa con un avviso nebuloso, che aveva indotto moltissimi utenti italiani ed europei ad abbandonare WhatsApp e rifugiarsi in altri social come Signal e Telegram,. In un comunicato ufficiale Whatsapp ha tranquillizzato i clienti: l’attuale normativa sulla privacy impedisce qualunque condivisione di dati tra social dello stesso gruppo. E nel resto del mondo la condivisione riguarderà solo il servizio per le imprese WhatsApp Business.

RADIO ITALIA E PEGGY GUGGENHEIM INSIEME. Radio Italia è emittente ufficiale della collezione Peggy Guggenheim. Di nuovo insieme – riporta Italia Oggi – per la diffusione di arte e cultura. Radio Italia torna ad essere la radio ufficiale del museo veneziano rinnovando un sodalizio avvenuto nel 2008.

SANREMO. Vertice Rai-Prefettura: al Festival soltanto un pubblico di figuranti. A seguito del Dpcm, si esclude l’ipotesi che possa essere un evento pubblico. Alberto Intini, prefetto della Città, ne è convinto. Per il pubblico la soluzione sarebbe aprire la platea a un numero ridotto di figuranti come fatto per XFactor. L’unica deroga potrebbe arrivare forse nella serata finale del 6 marzo. “È ancora tutto in itinere e prima di compiere valutazioni bisognerà capire l’evolversi della situazione – spiega Intini -. L’unica cosa che mi sento di dire è che la norma è chiara e Sanremo non sarà un’eccezione”.