Accade oggi 29 Dicembre 2020 – la rassegna Telpress delle notizie sui giornali

0
133

RICAVI MEDIA. Nel 2019 i ricavi di media e tlc in calo del 2,1% a 51,9 miliardi. L’e-commerce supera la tv. MF e Italia Oggi riprendono i dati resi noti dall’Agcom,  da cui emergono i ricavi in lieve calo nel 2019 per i soggetti regolati dall’Agcom. Il fatturato di società che operano nelle comunicazioni elettroniche, servizi postali, editoria quotidiana e periodica, televisione, operatori di rete e tower company è stato pari a 51,9 miliardi, in flessione dello 0,7% rispetto al 2015 e del 2,1% su base annua. Da evidenziare come lo scorso anno si sia registrato il sorpasso dei servizi postali (trainati dall’e-commerce) nei confronti del settore televisivo (17,5% contro il 16,6%). Seguono l’editoria (6,5%) e gli operatori di rete (2,6%).

FACEBOOK. Facebook chiude le holding in Irlanda, addio al paradiso fiscale in Europa. La notizia, ripresa in Italia da La Stampa e altri quotidiani, segue l’annuncio del Times e del Guardian, secondo cui FB chiuderà le finanziarie stanziate in Eire cui, fino a pochi mesi fa, hanno fatto capo le licenze relative alla proprietà intellettuale del colosso. E che hanno permesso di evitare di pagare molte tasse in decine di Paesi nel mondo scatenando polemiche e una maxi multa Ue da 13 miliardi, poi annullata dai giudici. La mossa riflette i recenti e imminenti cambiamenti della legislazione fiscale nel mondo. La scelta di riportare la proprietà intellettuale negli Stati Uniti è arrivata dopo che l’Agenzia governativa Usa deputata alla riscossione dei tributi, ha deciso di portare Facebook in tribunale sostenendo che il social network deve versare più di 9 miliardi di dollari, legati al trasferimento, nel 2010, dei suoi profitti in Irlanda.

DIRITTI TV. Calcio, il Consiglio di Stato boccia l’Agcm sui diritti tv. Respinto – secondo quanto scrive Italia Oggi – il ricorso dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato contro l’annullamento, deciso dal Tar del Lazio, delle sanzioni imposte dalla stessa Agcm alla Lega Serie A (1,9 milioni di euro), al suo advisor al tempo di quel bando, Infront (9 milioni), e ai broadcaster coinvolti, Mediaset (51,4 milioni) e Sky (4 milioni).

RADIO. Innovare per il futuro della radio. Lorenzo e Virgilio Suraci, intervistati da Italia Oggi (p.19) raccontano i 30 anni di Openspace, la concessionaria del gruppo Rtl 102.5. “A quei tempi i gruppi televisivi avevano le proprie concessionarie – spiegano – : la Rai aveva la sua, Berlusconi lo stesso. Noi all’inizio eravamo con Sper, ma se fossimo rimasti con quella concessionaria saremmo restati poveri a zero come nel 1988. Openspace è stata una sorta di spin off. Rtl 102.5 era un astro nascente della radiofonia italiana e aveva tre caratteristiche fondamentali: aveva l’informazione; aveva scelto di mandare in onda solo pubblicità nazionale e aveva l’isofrequenza. Facciamo due cose completamente diverse ma l’obiettivo è unico: avere tanti ascolti e fare fatturato. Insieme abbiamo costruito un gruppo in cui lavorano 250 persone suddivise fra la parte editoriale, la concessionaria e la parte tecnica”.

DIGITALE TERRESTRE. Arriva il nuovo digitale terrestre. Tivùsat già pronta con più canali. La Verità guarda alla rivoluzione nel 2021 per la televisione: cambieranno gli standard di trasmissione. Alberto Sigismondi, consigliere delegato di Tivù Srl, spiega che questo è primo passo dello switch off che si coronerà nel 2022. La maggioranza degli apparecchi acquistati dopo il 2010 dovranno essere cambiati. La banda di frequenza a 700 mhz va liberata per riservarla al 5G come deciso da Bruxelles. L’alternativa è acquistare un nuovo televisore oppure un decoder adeguato a prezzi accessibili. Previsti bonus e agevolazioni per gli utenti.

INNOVAZIONE. Grazie all’intesa con Engie EPS e Terna, Fca ha dato il via, a Torino, alla prima fase del progetto pilota Vehicle-to-Grid (V2G) per testare le potenziali connessioni dei suoi veicoli con la rete – riporta, in breve, il Corriere (p.41) -. Quando sarà completato, l’impianto V2G sarà il progetto sperimentale più grande al mondo. Italia Oggi (p.13) dedica invece un focus al primo trattore robot in arrivo nei campi Usa: si tratta di Monarch Tractor, il primo mezzo completamente elettrico che lavora senza conducente. È in grado di aumentare produttività e sicurezza, riducendo costi e inquinamento. Il modello base è in vendita per 50 mila dollari, circa 41 mila euro.