Accade oggi 8 Gennaio 2021 – la rassegna Telpress delle notizie sui giornali

0
303

TUTTI CONTRO TRUMP. Usa, tutti contro Trump: rimozione o impeachement per cacciarlo (Repubblica e tutti). I democratici invocano il 25esimo emendamento per “aver istigato l’insurrezione”: se il vice Pence rifiuta, dem pronti a una incriminazione-lampo. Finiscono nel mirino anche polizia e Guardia nazionale. Destra e sinistra verso l’accordo – scrive Libero – per cacciare con infamia Trump. Anche il mondo del business schierato contro il presidente americano e Facebook chiude il suo account (Sole p.2 e altri): dopo Twitter, anche Zurkerberg oscura i profili del tycoon: “Mina la legalità, rischio troppo grande”. Riccardo Luna su Repubblica paragona la richiesta di togliere i social a Trump alla espressione romanesca “Levateje er vino”, usata per zittire qualcuno che straparla. Camilla Conti sulla Verità si schiera però contro il ruolo di moralizzatore dei social network: da oggi sono loro a decidere chi parla, di questo passo potranno oscurare ogni posizione sgradita.

RETE UNICA. Rete unica, il Governo accende un faro sui conti e sulle attività di Open Fiber (MF p.1-11). L’Esecutivo chiede approfondimenti sul contratto con Infratel, minacciando sanzioni per inadempimenti alla società guidata da Ripa, secondo quanto esplicitato dalla ministra Pisano in risposta a un’interrogazione parlamentare di FdI: la Pisano parla anche di una lente sul nuovo piano industriale per verificare la destinazione dei 450 milioni di aumento di capitale approvata da OF il 4 maggio 2020.

DIRITTI TV. I club di A limano i dettagli dell’intesa con la cordata Cvc-Advent-Fsi: ora mezza Serie A italiana è possibile preda dei fondi (Sole p.20 con richiamo in prima). Ieri aggiornamento in Lega: sul tavolo le garanzie ai club per gli 1,7 miliardi previsti, firma entro il 20 gennaio. Al via le manovre per il ceo della nuova media company. Intanto i private equity hanno interesse manifesto su diversi club della massima serie, come Inter, Sampdoria, Udinese e Genoa.

ADDIO TURANI. Se ne è andato nella notte tra il 6 e il 7 gennaio il giornalista Giuseppe Turani a seguito di una complicanza post-operatoria. Tutti i quotidiani danno l’addio all’autore del celebre “Razza Padrona”, scritto con Eugenio Scalfari. Nella sua carriera, Turani ha collaborato con Repubblica, Corriere ed Espresso.

PAPERONI. Su Corriere (p.27), MF (p.3), Sole (p.16) e tutti i quotidiani, l’inarrestabile ascesa di Mask: è l’uomo più ricco del mondo. Il patron di Tesla, grazie alla performance in borsa, scalza anche Bezos