Accade Oggi – Digitale terrestre in ritardo – a cura di Telpress

0
516
Photo by Nubelson Fernandes on Unsplash

Tv digitale, allo studio mini rinvio per il cambio tecnico di settembre (Sole p.4). L’opzione del governo per concedere più tempo al ricambio degli apparecchi. Bonus per il Dvb-T2 a rilento. Secondo gli ultimi dati 1,4 milioni di famiglie rischierebbero di restare senza segnale. Il passaggio al nuovo sistema della tv digitale terrestre, il “Dvb-T2”, è una corsa contro il tempo. Il ricambio dei televisori avanza lentissimo, 1,4 milioni di famiglie rischiano di restare senza segnale alla prima delle due scadenze fissate, quella del 1° settembre, e il governo ora studia come correre ai ripari. Non è un caso che Confindustria Radio Televisioni abbia inviato al Ministero dello Sviluppo economico due lettere per chiedere correttivi: una datata 3 giugno e un’altra del 7 giugno con l’indice puntato su timori specifici legati alle Tv locali. Si è dissociata Persidera (operatore detentore di Mux e che vende capacità trasmissiva). “Si chiede di eliminare l’obbligo di abbandono totale dei vecchi standard introducendo una flessibilità legata alla diffusione dei nuovi apparecchi nelle case degli italiani” si legge in un punto della lettera del 3 giugno.