Accade Oggi – Pubblicità social ostaggio della Privacy – a cura di Telpress

0
102
Foto di free stock photos from www.picjumbo.com da Pixabay

Snap suona l’allarme sull’impatto nei bilanci di gruppi di social media ed ecommerce di nuove strette nella privacy delle quali Apple si è fatta portatrice, che scuotono la pubblicità digitale limitando le inserzioni mirate (Sole). Wall Street ascolta il monito: ha penalizzato i titoli giudicati più esposti alla raccolta di digital ads, che collettivamente hanno bruciato durante la seduta miliardi di dollari di market: dal 24% perso da Snap al 6% di Facebook, che darà i conti lunedì. Fino di Twitter e al 3,5% di Google.  Le nuove regole di Apple impongono alle app di chiedere l’esplicito consenso dei consumatori al tracking, un consenso che dai primi rilevamenti oggi scatta solo nel 16% dei casi. Il terzo trimestre sta così diventando il primo, vero test per il business pubblicitario, oggi ritenuto più prezioso ed efficace. Sempre il Sole segnala intanto i problemi di Facebook a rilevare e conoscere il numero esatto degli utenti iscritti alla sua piattaforma, un tema che potrebbe avere ricadute importanti sulle campagne pubblicitarie, che restano una delle attività di guadagno per il colosso di Zurckerberg.