Accade Oggi – Saxa Rubra milanese? …e l’amianto a Roma? – a cura di Telpress

0
665

Fondi Rai solo per Milano a Roma, la sede può attendere (Messaggero p.7). `Il palazzo capitolino è pieno di amianto ma il cda scaduto ha bloccato la bonifica. Rifacimento fermo da due anni nonostante fosse stata individuata la sede temporanea per i dipendenti. Per l’azienda: “Con lo smart working non vale la pena risistemare la struttura”. Si possono spendere quasi 135 milioni di euro fino al 2052 per affittare l’ex Fiera al Portello e inseguire, a Milano, il sogno di una Saxa Rubra padana, ma non una quarantina per ridare nuova linfa alla sede storica della Rai. Perché nel 2019 il cda ha discusso, come in passato, di una maxi riqualificazione del palazzo, nel 2020 è stato lanciato anche un bando d’appalto per la progettazione dell’opera, ma subito dopo tutto è finito nel dimenticatoio. È la sede di viale Mazzini 14, quella avveniristica a tutte vetrate degli Anni ‘60 disegnata da Berarducci e con il “Cavallo morente” di Messina all’ingresso. Dove in queste ore sta montando tra i dirigenti, pezzi della politica e sindacati un grande scompiglio perché è slittato il cda per le nomine, per i vertici che vedono candidati alla presidente Simona Agnes, Ferruccio De Bortoli, Alberto Quadro Curzio, Elisabetta Ripa (Open Fiber) e Paola Severini Melograni. Un palazzo però pieno di amianto. Perché quell’insieme di metalli che in passato sembrava il miglior sistema di coibentazione e antincendio e che già negli anni Settanta si è rivelato cancerogeno è stato tolto soltanto al settimo piano. Dove sono ospitati i massimi vertici dell’azienda televisiva. Sono stati bonificati anche tutti gli accessi verso la direzione, con i sindacati che qualche anno fa hanno ironizzavano: “Si salva la vita soltanto ai vip…”