Accade Oggi – Switch off frequenze, rischio slittamento – a cura di Telpress

0
333
Photo by Glenn Carstens-Peters on Unsplash

Industria televisiva in allarme: “Rinviare il cambio frequenze” (Sole p.16). All’esame del Mise lo spostamento della data dello switch off di settembre. La campagna incentivi va a rilento: acquistati solo 430mila nuovi televisori. A tre mesi dalla prima deadline per il passaggio al digitale terrestre di nuova generazione, la richiesta del mondo dei broadcaster è perentoria: “Si chiede di eliminare l’obbligo di abbandono totale dei vecchi standard introducendo una flessibilità legata alla diffusione dei nuovi apparecchi nelle case degli italiani”. La lettera inviata da Confindustria Radio Televisioni al ministero dello Sviluppo economico, e che Il Sole 24 Ore ha potuto visionare, è datata 3 giugno. Ne è seguita un’altra del 7 giugno, indirizzata al ministro Giancarlo Giorgetti e alla sottosegretaria Anna Ascani che sta seguendo il dossier, con l’indice puntato su timori specifici legati alle Tv locali. Dalla lettera del 3 giugno si è dissociata Persidera (operatore detentore di Mux).