Aggredì un giornalista di Dritto e Rovescio. Beppe Grillo a processo a Livorno

0
468
Beppe Grillo, foto da streaming.

Beppe Grillo dovrà comparire davanti al tribunale di Livorno il 13 Giugno prossimo. In questa data è fissata la prima udienza del processo che vede il fondatore del Movimento 5 Stelle imputato per i per i reati di violenza privata e lesioni personali ai danni del giornalista Francesco Selvi.

La notizia riportata da Il Telegrafo di Livorno, sottolinea come la procura di Livorno aveva chiesto l’archiviazione per l’accusa di violenza privata – notificando invece un avviso di conclusione indagini per il reato di lesioni – ma il gip a dicembre scorso l’aveva respinta ordinando l’imputazione coatta. Così : la procura ha emesso un decreto di citazione a giudizio.

I fatti – A portare Beppe Grillo in tribunale è stato il tentativo di intervista da parte del giornalista al garante del Movimento il 7 settembre 2020. Selvi aveva avvicinato Grillo sulla spiaggia di Marina di Bibbona e aveva cercanto di intervistarlo per la trasmissione di Rete4 ‘Diritto e Rovescio’. Secondo l’accusa Grillo, innervosito, aveva strappato di mano il cellulare al giornalista e lo aveva spintonato facendolo cadere dalle scale dello stabilimento balneare dove si trovava, procurandogli un trauma distorsivo al ginocchio sinistro. Le indagini sono partite dopo la denuncia fatta dal giornalista alla procura di Livorno.

L’inchiesta milanese – Non certo un periodo fortunato per Grillo dal punto di vista giudiziario. Solo poche ore prima si era diffusa la notizia di un suo coinvolgimento nell’inchiesta della procura di Milano sul traffico di influenze illecite che vede coinvolta la compagnia di navigazione Moby. Secondo i Pm milanesi Grillo, in cambio di alcuni contratti pubblicitari pagati dall’armatore della compagnia di navigazione, Vincenzo Onorato, al suo blog, girava ai “suoi” politici i desiderata dell’armatore.

Approfondimenti