Su Sky tornano i “Diavoli” Alessandro Borghi e Patrick Dempsey

0
130
Patrick Dempsey e Alessandro Borghi sul set dei nuovi episodi della serie Sky Original. Foto da ufficio stampa Sky.

Sky ha annunciato che sono in corso a Roma le riprese della seconda stagione di Diavoli, il financial thriller con protagonisti Alessandro Borghi e Patrick Dempsey, diretti da Nick Hurran e Jan Maria Michelini. La serie, che in questo secondo atto conta 8 episodi, è prodotta da Sky Italia e Lux Vide con Big Light Productions. Dopo aver girato le scene previste nella Capitale, nei prossimi mesi il set si sposterà a Londra, altra location scelta per raccontare gli intrighi e le guerre che si celano dentro il mondo dell’alta finanza europea. La storia è tratta dal bestseller “I diavoli” di Guido Maria Brera, con un racconto che, seppur basato su personaggi di finzione, mostra comunque meccanismi piuttosto verosimili per quanto riguarda i giochi di potere interni ai “palazzi” che contano.

La nuova stagione si apre nel 2016, alla vigilia dello scoppio della Brexit. Massimo Ruggiero (Borghi), divenuto, nel finale della prima stagione, CEO della NewYork-London Investment Bank, si trova ora ad essere messo in discussione dai suoi collaboratori. Decide così di intraprendere una politica di acquisizioni filo-cinesi, facendo subentrare nuovi investimenti e dirigenti provenienti proprio dal Paese asiatico. Nella sua vita però, si ripresenta ancora una volta il suo vecchio mentore Dominic Morgan (Dempsey), uno dei più influenti uomini della finanza internazionale, il quale gli assicura che i nuovi soci cinesi sono pronti a tradirlo per mettere in atto una imponente guerra con gli Stati Uniti per assicurarsi il controllo dei dati di milioni di persone. Ruggiero dovrà quindi decidere se credere al suo ex amico-nemico e se, quindi, allearsi con lui per sventare la minaccia. Partendo da qui si arriverà fino al 2020, nel pieno della crisi legata alla pandemia.

Diavoli debuttava esattamente un anno fa, in un mondo che iniziava appena a prendere coscienza dello sconvolgimento senza precedenti che la pandemia stava per arrecare al contesto socio-politico, quindi anche finanziario, mondiale” spiega Nils Hartmann, Direttore di Original Production Sky Italia. “Un prodotto estremamente ambizioso, un conspiracy thriller con una trama avvincente e dei personaggi ovviamente di finzione, ma così bene inseriti all’interno di un contesto storico credibile e dalle coordinate estremamente precise. Non potevamo non pensare a un seguito, che siamo felici di ufficializzare e che vede la conferma di due grandi talenti come Borghi e Dempsey”.

Proprio l’importanza del periodo storico attuale all’interno della serie, è ciò che viene sottolineato da Luca Bernabei, AD di Lux Vide: “Questa storia deve andare in onda oggi perché crediamo moltissimo nelle risposte che può dare alla gente in questo preciso tempo di sconvolgimenti socio-economici e complicati equilibri geo-politici” afferma, “con la scrittura di Diavoli 2 abbiamo cominciato a pensare alla questione sino-americana quando ancora non era sotto i riflettori di tutti; mostriamo cosa può unire la Brexit, le auto elettriche, un social network o il 5G. O cosa ci può essere in comune fra Cambridge Analytica e la pandemia del 2020, fino a raccontare la portata rivoluzionaria della vicenda Reddit-GameStop. Sembrano tante cose sconnesse in diversi anni, ma Diavoli 2 mostrerà come in realtà sono unite in maniera inquietantemente coerente e per assurdo, semplice”.

Approfondimenti