Anitec-Assinform: mercato digitale nel 2020 -0,6%, nel 2021 +3,5%

0
252

Nel 2020, Il mercato digitale italiano ha fatto registrare un -0,6%, attestandosi sui 71,5 miliardi di euro e arrestando così la crescita degli ultimi anni (+2,1% nel 2019) per effetto esogeno della crisi innescata dall’emergenza sanitaria e, quindi, economica e per effetto endogeno soprattutto delle pressioni sulle tariffe dei servizi di rete. Lo spiega una ricerca Anitec-Assinform. La progressione – si legge entrando nel merito dei singoli comparti – è continuata, anche se a ritmi inferiori: Servizi ICT 12.702 milioni (+3,3% contro +5,8% del 2019); Dispositivi e Sistemi 19.368 milioni (+1,3% contro +1,7% del 2019); Contenuti Digitali e Digital Advertising 12.623 milioni (+4,4% contro +8,4% del 2019). Si è invece arrestato l’andamento di Software e Soluzioni ICT (7.517 milioni, -2,3% contro +7,8% del 2019), comparto più esposto alle dinamiche di breve periodo a causa dei rinnovi annuali delle licenze rispetto ai servizi IT associati a contratti pluriennali.

LA SPINTA DEI DIGITAL ENABLER – Dando uno sguardo trasversale ai comparti, il dinamismo più marcato è stato rilevato per le componenti più strettamente IT, soprattutto e come già negli anni più recenti fra quelle più innovative, come i Digital Enabler. Si tratta di componenti già incluse nei diversi comparti menzionati in precedenza, ma che meritano una notazione specifica per la loro consistenza e vivacità. Hanno registrato tutte, tranne IoT, dinamiche positive nel 2020: Mobile Business 4.326 milioni (+4,4%), Cloud 3.408 milioni (+20,4%), Cybersecurity 1.238 milioni (+9%), Big Data 1.152 milioni (+8,7%), Wearable 700 milioni (+8,9%), Piattaforme per la Gestione Web 527 milioni (+10%), Intelligenza Artificiale / Cognitive Computing 250 milioni (+16,3%) e Tecnologie Blockchain 26 milioni (+18,2%). Influenzato dal congelamento anche degli investimenti tecnologici nell’industria, il comparto IoT ha subito invece un calo attestandosi sui 3.393 milioni (-3,1%). Nell’insieme i Digital Enabler sono cresciuti del 7,1% (10,4% se si esclude IoT) e hanno visto salire la loro quota all’interno del mercato digitale dal 19,5% del 2019 al 21% nel 2019.

PER IL 2021, sia l’evoluzione e il controllo dell’attuale emergenza che il recupero di fiducia nel clima economico complessivo lasciano intravedere un recupero del mercato con una crescita prevista del 3,5% e dinamiche in miglioramento in tutti i comparti e Digital Enabler, a partire da Intelligenza Artificiale, Blockchain e Cloud. A questa dinamica – conclude lo studio – si aggiungerà l’ulteriore aumento degli investimenti in digitale che saranno finanziati dal PNRR, per i quali non è stata ancora resa pubblica la pianificazione anno per anno.

Approfondimenti