Antitrust: istruttoria su R2 di Mediaset Premium acquistata da Sky per 22,9 mln

0
248

Mediaset è consapevole che in Italia non c’è spazio per due grandi operatori di pay tv, ha abdicato a Sky (rinunciando al grande calcio e alle partnership con altri broadcaster) e ne ha facilitato l’avvento anche sul “suo” digitale terrestre. Non solo, a Cologno Monzese – una volta che i conti di Premium non torneranno più – si preparano a scendere anche dal digitale terrestre con il resto del bouquet (Cinema e Serie Tv) per celebrare il matrimonio Premium-Infinity: un’unica light pay tv in streaming. Ma l’idea – a chi si occupa di mercato ma soprattutto di concorrenza – sembra non piaccia. L’Antitrust, infatti, vuole vederci chiaro…

Il 7 marzo 2019 l’Autorità ha avviato “un procedimento istruttorio volto a valutare l’operazione di concentrazione consistente nell’acquisizione del controllo della società R2 S.r.l. (ramo operation pay di Mediaset Premium) da parte di Sky Italia S.r.l. e Sky Italian Holdings S.p.A”. Stiamo parlando dell’ultimo tassello della “pax televisiva” siglata a Pasqua del 2018 da Piersilvio Berlusconi e Andrea Zappia. Una stretta di mano che ha previsto, tra l’altro, che R2 srl – la costola tecnologica di Premium che ha in pancia 130 contratti di lavoro subordinato, il contratto con Nagravision e tutta la parte “operation” – diventasse di proprietà di Sky. Il tutto in cambio di 22,9 milioni. Ma senza il sì incondizionato di Agcom e Antitrust, questa “partita” non si chiude.

In pratica R2 srl si occupa di manutenzione tecnica, accesso condizionato, assistenza ai clienti, attività commerciali e altre analoghe attività operative. Tanto per fare un esempio, è la “serratura” che ha consentito a Sky Italia di utilizzare le tesserine Premium per fare abbonamenti già da giugno 2018. Ha in pancia il contratto con Nagravision, che è la società che fornisce a Premium software e hardware per il criptaggio del segnale televisivo. Insomma, la parte operation comprensiva di gestione del billing, del customer care, del marketing e della parte tecnologica.

“Il procedimento – spiega l’Antitrust – è diretto ad accertare le possibili ricadute concorrenziali dell’acquisizione da parte di Sky, operatore dominante nel mercato della pay-tv, di R2, vale a dire la piattaforma tecnica del digitale terrestre di Mediaset Premium, il quale ha rappresentato in passato sostanzialmente l’unico concorrente di Sky nel mercato della televisione a pagamento. In particolare, verrà valutato se l’operazione possa determinare il rafforzamento della posizione dominante di Sky nel mercato dei servizi al dettaglio della televisione a pagamento (pay-tv) e nel mercato dei servizi di accesso all’ingrosso alla piattaforma tecnica della televisione a pagamento del digitale terrestre, tale da eliminare o ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza in tali mercati, nonché nei mercati ad esso collegati, quali quelli riguardanti il broadcasting digitale, i contenuti per la televisione a pagamento e i canali pay-tv”. Per chiudere la “partita” pay, dunque, Sky e Mediaset dovranno attendere il triplice fischio dell’Antitrust.