Aspettando Sanremo una nuova sfida per Amadeus. A settembre due serate all’Arena

0
258
Amadeus_foto di Marco Rossi per Ufficio Stampa Rai

Dopo mesi di dubbi e indiscrezioni sembra ormai sicuro che sarà ancora Amadeus a guidare il prossimo Festival di Sanremo, il suo terzo consecutivo. “Stiamo dialogando. È un onore che mi abbiano chiesto di rifarlo” ha ammesso il conduttore facendo intendere che l’accordo è vicino,  “però vorrei poter aggiungere qualcosina in più, con il prossimo: farlo in grande. Bisogna parlare con i nuovi vertici”. Salvo sorprese, ad affiancarlo sul palco dell’Ariston dovrebbe essere anche stavolta l’amico fraterno Fiorello, che tuttavia non si è ancora sbilanciato sulla questione. La strada sembra quindi tracciata e non è escluso che l’ufficialità dell’Ama ter (come lo chiamava simpaticamente lo stesso Fiorello) possa arrivare a breve: “Puntiamo ad andare in vacanza con una decisione già presa, di non trascinarci fino a settembre”, ha commentato il direttore di Rai 1 Stefano Coletta.

Prima di ricominciare a preparare il Festival però, Amadeus sarà impegnato in un altro importante progetto, quello di Arena ’60 ’70 ’80. Due serate evento dall’Arena di Verona per rivivere tre decenni iconici della musica, tra hit divenute immortali, ricordi indimenticabili ed artisti che hanno segnato un’epoca. Le registrazioni avverranno il 12 e 14 settembre (è possibile acquistare i biglietti su Ticketone) e la messa in onda avverrà ad ottobre in due prime serate su Rai1. Ad esibirsi sul palco saranno artisti di rilievo italiani ma anche stranieri, protagonisti di alcuni dei più grandi successi del passato. Già confermati come ospiti internazionali gli Europe, autori della hit degli anni ’80 The Final Countdown, così come confermata la partecipazione di Loredana Bertè, Patty Pravo, Umberto Tozzi, Raf, Rettore, Spagna, Marcella Bella, Gazebo, Alan Sorrenti, i Righeira e Tracy Spencer.

La protagonista assoluta sarà quindi proprio la musica, in particolare le hit pop e le canzoni d’autore che hanno fatto la storia, con tutte le emozioni e i ricordi che queste generano nel pubblico ogni volta che vengono riascoltate. Amadeus, posizionato dietro una consolle, sarà il comandante di questo viaggio nel tempo, tornando di fatto alle sue origini da Dj in discoteca ed in radio. “Faremo rivivere tre decenni iconici della musica italiana e internazionale con grandi ospiti. Canteremo canzoni come Vamos a la playa, Figli delle stelle, Easy lady, Nell’aria, Run to me, Splendido splendente. Riporteremo certe star in un luogo magico come l’Arena, dove si sono esibite all’apice del successo” racconta il conduttore veronese, “eviteremo la nostalgia, anche se è difficile. Per me sarà un ritorno alle origini, a quando da dj proponevo molte di queste canzoni in discoteca. Partì tutto proprio dalle radio di Verona, dove sono cresciuto prima di trasferirmi a Milano da Claudio Cecchetto”.

 

 

Approfondimenti