Audiovisivo. I danni dei pirati: buco da 1,7 miliardi – a cura di Teplress

0
138
Decoder di Sky usati per condividere il segnale illegalmente - Foto da streaming

Media, dalla pirateria un danno da 1,7 miliardi al sistema Paese (Sole p.18). Indagine Fapav-Ipsos: nel 2021 il 40% degli italiani ha piratato contenuti. Mancati introiti fiscali per 319 milioni di euro, da Iva e imposte sul reddito. La pirateria audiovisiva è in aumento. Oltre metà popolazione (e anche il 50% della sottocategoria di chi compie atti di pirateria) la considera un comportamento che colpisce industria e lavoratori. Ma la si vive con autoindulgenza come “uno strappo alla regola”. Peccato che il peso sia enorme sull’economia e sulla società: 940 milioni di euro di fatturato perso per le imprese del settore audiovisivo (che si tratti di film, serie o anche sport); 716 milioni di euro di Pil che viene a mancare all’appello; 319 milioni di euro di mancati introiti fiscali quali Iva, imposte sul reddito e sulle imprese; 9.400 posti di lavoro a rischio e 1,7 miliardi di fatturato perso da tutti i settori economici italiani (non solo l’audiovisivo).

Approfondimenti