Bambini americani tablet dipendenti. L’allarme dei pediatri

0
106

bambino con_ipadI bambini americani sono sempre più “schermo” dipendenti. L’allarme arriva da una ricerca condotta dall’organizzazione non-profit statunitense “Common sense media”. Lo studio condotto su un vasto campione di 1384 genitori, ha rivelato i bambini di età inferiore a 8 anni, trascorrono mediamente 2 ore e 16 minuti al giorno di fronte a schermi di vario genere, mentre la lettura e la musica non occupano che una trentina di minuti. In sostanza, i bimbi americani passano più tempo davanti agli schermi di televisione, tablet e smartphone che a leggere dei libri o ad ascoltare fiabe. Tra i vari tipi di schermi, tiene ancora il primato della televisione, davanti alla quale i bambini statunitensi trascorrono mediamente 1 ora e 40 minuti al giorno. Addirittura, circa il 30% dei bambini con meno di due anni hanno un televisore in camera, percentuale che sale al 42% calcolando il totale dei bimbi con meno di otto anni. Nel 40% delle abitazioni, il televisore resta acceso a oltranza. Un dato inedito, invece, è quello che riguarda l’utilizzo delle nuove forme di intrattenimento digitale da parte dei bambini. Tra i bambini di età compresa tra 4 e 8 anni, il tempo trascorso davanti alla Tv, rispetto al 2005, non è aumentato che di 10 minuti, mentre il Pc, le console e i dispositivi mobili concentrano circa i due terzi di tutto il tempo trascorso davanti agli schermi. Secondo il sondaggio, la metà dei bambini con meno di otto anni ha attualmente accesso a un dispositivo mobile, che si tratti di uno smartphone (41%), di un lettore dotato di funzione video (21%) o di un tablet (9%). Il 38% lo ha già utilizzato, proporzione che aumenta con l’età. L’11% dei bambini che hanno a disposizione uno smartphone, in lettore o un tablet, lo usano in media per 43 minuti al giorno. Questo crescente interesse è dovuto anche al fatto che i genitori spesso riempiono i dispositivi di applicazioni dedicate ai loro pargoli: il 29% dei genitori intervistati ha scaricato giochi o libri per bambini, a volte per occuparli mentre loro sono occupati nelle loro faccende. Nelle famiglie con reddito annuo superiore a 75 mila dollari, questa percentuale raggiunge il 47%. I risultati dello studio sono stati pubblicati a due settimane dall’allarme lanciato dall’Accademia americana di pediatria, che ha sconsigliato vivamente ai genitori di esporre i bambini con meno di due anni alla visione di contenuti sugli schermi di qualsiasi tipo.“I bambini apprendono meglio e hanno bisogno di interagire con gli umani, non con gli schermi”, hanno affermato i pediatri. A questa età, i bambini che guardano la Tv hanno meno prontezza di linguaggio e più problemi a dormire. Per l’Accademia americana di pediatria, sarebbe preferibile lasciare che i bambini più piccoli si dedichino a giochi di fantasia, lontani dagli schermi, per proteggere lo sviluppo cerebrale.