Basta risse, il Giornale di Brescia rinuncia a Facebook e al 16% del traffico

0
180
Photo by George Pagan III on Unsplash

Stop ai post sulla pagina Facebook del giornale. Una pagina con oltre 200 mila seguaci e grazie alla quale viene prodotto il 16% del traffico del sito web (nel 2020, 18 milioni e mezzo di utenti per oltre 286 milioni di pagine viste). Una scelta “in controtendenza e con convinzione” quella del direttore de Il Giornale di Brescia Nunzia Vallini. E una scelta “che non è stata presa a cuor leggero. Consideriamolo una sorta di lockdown contro il virus delle maleparole che non cercano il dibattito – ha spiegato – ma la rissa. Che non informano ma demoliscono. Non intendiamo barattare la nostra visibilità con la connivenza a questo gioco malato. Può suonare fuori di moda, ma alla quantità scegliamo la qualità. In ogni caso non abdichiamo alla nostra missione, anzi: quelle stesse notizie, commenti, dati, fotografie e filmati, che postavamo su Fb – conclude il direttore – restano e resteranno comunque fruibili, sempre gratuitamente, sul nostro sito web”. Inoltre il giornale continuerà ad utilizzare altri social: Twitter, Instagram e LinkedIn.

Approfondimenti