Bonus cultura riconfermato per i nati nel 2003. Ma sarà un po’ meno ricco

0
6546

Anche i ragazzi che compiranno 18 anni nel 2021 potranno sfruttare la card del cosiddetto “bonus cultura”. L’incentivo economico una tantum per i neo-maggiorenni è stato riconfermato anche nella legge di Bilancio approvata dal Parlamento a fine 2020, anche se sarà un po’ meno “ricco”. I nati nel 2003 avranno a disposizione 300 euro e non 500 come negli scorsi anni per acquistare prodotti culturali. I fondi stanziati in finanziaria per quest’anno sono stati ridotti a 150 milioni di euro contro i 190 milioni del 2020. Introdotto dal governo Renzi nel 2016, il bonus cultura è stato rinnovato dai governi successivi ma il budget si è andato via via assottigliando anno dopo anno.

A cosa serve – Con la Card cultura i ragazzi potranno acquistare biglietti per rappresentazioni teatrali, cinematografiche e spettacoli dal vivo, ma anche libri, musica registrata (Cd, dvd musicali, dischi in vinile e musica online), prodotti dell’editoria audiovisiva, titoli di accesso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche e parchi naturali nonché per sostenere i costi relativi a corsi di musica, di teatro o di lingua straniera. New entry di quest’anno la possibilità di abbonarsi a giornali quotidiani e periodici anche in formato digitale.

Come funziona – Per usufruire del bonus i neo-maggiorenni devono per prima cosa scaricare la app “18App” o registrarsi sul sito www.18app.italia.it in modo da ottenere il voucher elettronico da spendere nel corso dell’anno, presso i negozi fisici o on-line che hanno aderito all’iniziativa. Per completare l’operazione è necessario avere uno Spid, il sistema di identità digitale, ed essere residenti nel territorio italiano o in possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità. È vietato monetizzare il bonus o i prodotti acquistati con la card.

L’elenco degli esercenti che hanno aderito al programma e attraverso cui spendere il bonus, è consultabile sul sito www.18app.italia.it

Se i 2003 festeggiano il rinnovo del bonus cultura i nati nel 2002 sono ancora in attesa: per loro al momento l’erogazione del bonus non è ancora disponibile, manca il decreto del Mibact che, guardando ai tempi previsti dalla legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuto arrivare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore, e quindi entro il mese di marzo scorso.
Infine, i loro “fratelli maggiori”, nati nel 2001, che hanno già in mano la card, hanno ancora tempo fino al 28 Febbraio prossimo per spendere il loro tesoretto.

Approfondimenti