“Boris 4 si farà”. I fans in fibrillazione ma dovranno attendere il 2022

0
740

“Eeee azione!”. La celebre frase di Renè Ferretti, il regista della serie “Gli occhi del cuore” raccontata nella fiction cult Boris ed impersonato da Francesco Pannofino, tornerà a essere gridata presto in televisione. Ora c’è la certezza: la quarta stagione della fiction italiana più irriverente degli ultimi 20 anni, tornerà nelle nostre case. Gli appassionati di Boris dovranno aspettare ancora un annetto – le riprese sono previste in estate e la messa in onda per il 2022 – ma il conto alla rovescia è iniziato. A 11 anni dall’ultima puntata e a 10 dal film, gli autori stanno scrivendo la quarta stagione, che sarà visibile sul canale Star di Disney+.

La conferma che il pesce rosso portafortuna di Ferretti, da cui prede il nome la serie, tornerà a farci compagnia è arrivata da Alberto Di Stasio. L’attore napoletano, che nella serie impersona il direttore di produzione Sergio Vannucci, durante uno streaming sulla piattaforma Twitch si è lasciato sfuggire l’anticipazione: “Ho fatto tantissime esperienze con la televisione, fino ad arrivare a Boris, Boris 2, Boris 3 e, lo dico piano, si farà la quarta serie” ha spoilerato Di Stasio che ha aggiunto: “Penso che gireremo in estate, quindi in televisione sì vedrà in autunno, o forse all’inizio del prossimo anno. Siamo tutti contenti”. Indiscrezione confermata dallo stesso Pannofino che, raggiunto telefonicamente dal Messaggero, ha confermato la reunion della banda di Boris, che in tre serie seguitissime tra il 2007 ed il 2010 ed un film (2011), ha raccontato in modo ironico e caricaturale il dietro le quinte di un set di una fantomatica serie tv, “Gli occhi del cuore” appunto.

Nel cast ci sono nomi illustri: oltre a quello di Di Stasio c’è Carolina Crescentini, Pietro Sermonti, Caterina Guzzanti, Francesco Pannofino, Alessandro Tiberi ma per ora non si ha conferma se torneranno tutti nella nuova stagione. Di sicuro non ci sarà Mattia Torre scomparso nel 2019 a soli 47 anni, dalla cui penna erano usciti i tormentoni sul mondo dello spettacolo diventati famosissimi (dalla luce “smarmellata” ai sospirati “straordinari di Libeccio”), ma anche i vizi di questo ambiente (la cocaina e le raccomandazioni) e i personaggi cult come la “cagna maledetta” interpretata da Carolina Crescentini o il comico Nando Martellone di Max Bruno. “Sarà una cosa fatta completamente in ricordo di Mattia – aveva commentato lo sceneggiatore Luca Vendruscolo durante un evento organizzato dai ragazzi del Cinema America -. Se riusciremo a fare una cosa che ci darà la sensazione che Mattia da lassù non ci sputi in faccia, la realizzeremo”.

Il progetto è ancora in fase embrionale ma sembra certo che, a differenza di quanto anticipato da Di Stasio, i nuovi episodi non saranno visibili su Netflix, la piattaforma che detiene i diritti delle tre precedenti edizioni della fiction e che ha contribuito al suo ritorno in auge, bensì sulla sezione “Star” di Disney+. I diritti di Boris, infatti, sono della Fox che appartiene alla Disney, da qui la decisione di posizionare la nuova edizione sulla sezione dedicata ad un pubblico più “adulto” in partenza il prossimo 23 febbraio.

Per gli appassionati, dunque, ancora un po’ di pazienza e poi, “dai, dai, dai”, il nuovo Boris arriverà, come sempre, rigorosamente “a caz.. di cane!”.

Approfondimenti