Candidature Nastri D’Argento. Comandano “Le sorelle Macaluso” e “L’incredibile storia dell’Isola delle Rose”

0
362
Renato Pozzetto, foto da streaming

Sono state pubblicate le cinquine candidate alla 75º edizione dei Nastri d’Argento, i prestigiosi premi cinematografici assegnati ogni anno dall’SNGCI (Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani) alle migliori opere ed artisti italiani. La cerimonia, che  tradizionalmente si svolge nella cornice del Teatro antico di Taormina, si terrà quest’anno al museo MAXXI di Roma il 22 giugno. Ad ottenere il maggior numero di candidature sono stati Le sorelle Macaluso di Emma Dante e L’incredibile storia dell’Isola delle Rose di Sydney Sibilia, seguiti a ruota da Cosa sarà di Francesco Bruni e da due film diretti da registi esordienti, ovvero I predatori di Pietro Castellitto e Il cattivo poeta di Gianluca Jodice.

Tra gli elementi che saltano all’occhio, la folta rappresentanza femminile, con la candidatura di molte registe ed autrici a segnare una decisa svolta rispetto ad un passato nel quale tutto ciò non era affatto scontato. Poi, la presenza degli attori di due film per la tv come La bambina che non voleva cantare di Costanza Quatriglio e Carosello Carosone di Lucio Pellegrini (già andati in onda sui canali Rai) così come la grande attenzione dedicata alle pellicole “low budget” ed alle opere prime. Anche quest’anno non mancheranno i tradizionali premi Guglielmo Biraghi e Graziella Bonacchi assegnati ai giovani attori rivelazione, nonché il Premio Nino Manfredi, che sarà consegnato il 27 giugno nel corso del Taormina Film Fest. Ad essere stati invece già assegnati sono i premi speciali Nastro di Platino e Nastro Speciale 75, conferiti a due autentiche leggende del cinema italiano, rispettivamente Sophia Loren per La vita davanti a sé di Edoardo Ponti e Renato Pozzetto per Lei mi parla ancora di Pupi Avati.

Entrando nello specifico delle candidature, a contendersi la statuetta per il miglior film saranno i già citati Le sorelle Macaluso, Cosa sarà e Lei mi parla ancora, ai quali si uniscono Assandira di Salvatore Mereu e Non mi uccidere di Andrea De Sica. Per la migliore commedia c’è invece in lizza L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, insieme a Genitori Vs Influencer di Michela Andreozzi, Si vive una volta sola di Carlo Verdone, Sul più bello di Alice Filippi e Tutti per 1-1 per tutti di Giovanni Veronesi.

Per quanto riguarda gli attori, le candidate come migliore attrice protagonista sono Valeria Bruni Tedeschi (Gli indifferenti), Valeria Golino (Fortuna, Lasciami andare), Alba Rohrwacher (Lacci), Teresa Saponangelo (Il buco in testa) e Daphne Scoccia (Palazzo di Giustizia). Come migliore attore protagonista sono candidati Pierfrancesco Favino (Padrenostro), Sergio Castellitto (Il cattivo poeta), Alessandro Gassman (Non odiare), Fabrizio Gifuni (La belva) e Kim Rossi Stuart (Cosa sarà). A contendersi il premio per la migliore attrice non protagonista saranno Linda Caridi (Lacci), Carolina Crescentini (La bambina che non voleva cantare), Donatella Finocchiaro (Il delitto Mattarella), Raffaella Lebboroni (Cosa sarà), Sara Serraiocco (Non odiare), e Pina Turco (Fortuna). Per il migliore attore non protagonista, Fabrizio Gifuni (Lei mi parla ancora), Vinicio Marchioni (Governance, il prezzo del potere), Michele Placido (Calibro 9), Massimo Popolizio (I predatori) e Francesco Patané (Il cattivo poeta). Per la migliore attrice di commedia, Antonella Attili (Il ladro di cardellini), Eugenia Costantini (La tristezza ha il sonno leggero), Loretta Goggi (Burraco fatale, Glassboy), Miriam Leone (L’amore a domicilio) e Valentina Lodovini (10 giorni con Babbo Natale). Infine, per il migliore attore di commedia, Elio Germano (L’incredibile storia dell’Isola delle Rose), Fabio De Luigi (10 giorni con Babbo Natale), Simone Liberati (L’amore a domicilio), Nando Paone (Il ladro di cardellini), Eduardo Scarpetta (Carosello Carosone) e Fabio Volo (Genitori Vs Influencer).

Quanto ai premi dedicati ai registi, in lizza per la migliore regia ci sono Pupi Avati (Lei mi parla ancora), Francesco Bruni (Cosa sarà), Antonio Capuano (Il buco in testa), Emma Dante (Le sorelle Macaluso) ed Edoardo Ponti (La vita davanti a sé). Per il miglior regista esordiente sono invece in corsa Pietro Castellitto (I predatori), Maura Delpero (Maternal), Nunzia De Stefano (Nevia), Carlo S. Hintermann (The Book of Vision), Gianluca Jodice (Il cattivo poeta) e Mauro Mancini (Non odiare).

NASTRI 2021_LE CANDIDATURE

 

Approfondimenti