Capitol Hill, social sotto accusa – a cura di Telpress

0
86

I grandi del web sotto accusa per l’assalto a Capitol Hill (Corriere p.15, Messaggero p.10, Giornale p.16). Il Congresso chiama a comparire i vertici di Facebook, Twitter, Reddit e YouTube. Insoddisfatto per le risposte vaghe o reticenti avute dalle società tecnologiche sul ruolo delle loro piattaforme nella promozione dei disordini. Sarebbero responsabili di aver ospitato post che inneggiavano alla violenza. Intanto Stewart Rhodes, leader e fondatore delle milizie di estrema destra degli Oath Keepers, è stato arrestato dall’Fbi con l’accusa di eversione: sarebbe stato una figura chiave della rivolta.