Cda Rai: Storace non si candida e (forse) neanche la Coletti

0
318
Francesco Storace, foto da streaming

Quanti degli attuali sette amministratori della Rai tenteranno il bis per un secondo mandato? Presto, quando si alzerà il velo sui curricula inviati alla Camera e al Senato, ne sapremo di più. Nel frattempo non resta che affidarsi alle indiscrezioni di Viale Mazzini. In cda attualmente ci sono Marcello Foa (presidente), Fabrizio Salini (ad), Riccardo Laganà (eletto dai dipendenti), Rita Borioni (in quota Pd), Beatrice Coletti (in quota M5S), Igor de Biasio (in quota Lega) e Giampaolo Rossi (in quota Fratelli d’Italia). Scontato che Foa e Salini faranno le valigie… Così come dovrà farle anche la Borioni, già arrivata al secondo mandato e probabilmente – si dice al Nazareno – sostituita da una donna che non abbia trascorsi in politica. Laganà ha raccolto le firme e proverà il secondo mandato. Lo stesso faranno – a quanto apprende AgInforma.it – Igor De Biasio (sostenuto di nuovo dalla Lega) e Rossi (sostenuto da FdI) che però dovrà guardarsi dai “mugugni” in casa Forza Italia e Lega ma non dalla candidatura di Francesco Storace che smentisce le indiscrezioni di questi giorni con un cinguettio: “Non ho fatto domanda per la Rai. Non ho la Fedez giusta”. Chi infine con ogni probabilità non tenterà il bis è infine la Coletti: il suo rapporto con la Rai non finirà qui, anche perché resterà presidente di Tivù srl fino a dicembre 2021. Ma evidentemente in Sala Orsello non ci vuole più stare. Il nome dei 5 Stelle (niente voto on-line) uscirà da una rosa di candidati proposta dai commissari della Vigilanza Rai e delle Commissioni Trasporti e Tlc. E tra questi ci sarà quello di Paolo Favale sostenuto dal senatore Alberto Airola. Ha 62 anni ed è un avvocato specializzato nel settore delle comunicazioni, dell’audiovisivo e del diritto d’autore. È stato assunto in Rai nel lontano 1986. Ora (ri)proverà a governarla…

Approfondimenti