C’è l’ok Agcom a FiberCop: progetto “ammissibile”

0
90

E’arrivato un primo ok dell’AgCom a FiberCop: “Il progetto è ammissibile per un vaglio più approfondito”; ed è stata disposta “una consultazione pubblica al fine di acquisire le valutazioni del mercato”. Lo annuncia un comunicato stampa del Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che nella seduta odierna ha svolto una preliminare discussione sul progetto di separazione legale volontaria della rete fissa di accesso dell’operatore Tim. L’iniziativa, che si fonda su un modello di coinvestimento fra operatori, prevede la creazione di una società separata – FiberCop – alla quale Tim conferirà le proprie infrastrutture passive della rete di accesso secondaria (dall’armadio di strada alle sedi degli utenti), sia in rame che in fibra. “Gli Uffici dell’Autorità hanno condotto una preliminare analisi tesa a verificare – come previsto dalle Linee Guida dell’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (BEREC) – l’affidabilità e la serietà del progetto di separazione, nonché la sua potenziale idoneità a migliorare le condizioni di concorrenza nel settore. Ad esito di tali valutazioni, il Consiglio – spiega il comunicato stampa – ha ritenuto il progetto ammissibile per un vaglio più approfondito nell’ambito dell’analisi coordinata dei mercati dell’accesso prevista dal comma 2 dell’art. 50-ter del Codice, disponendo altresì una consultazione pubblica al fine di acquisire le valutazioni del mercato sul progetto medesimo e garantire così la più ampia partecipazione degli operatori del settore”.

“L’Autorità sarà quindi chiamata a valutare, con gli strumenti propri dell’analisi di mercato, l’effetto del progetto di separazione sugli obblighi regolamentari esistenti avuto riguardo in particolare alle garanzie di equivalence e parità di trattamento nella fornitura dei servizi di accesso alla rete con l’obiettivo ultimo – conclude la nota – di porre le condizioni per un effettivo e rapido sviluppo della banda ultra-larga nel nostro Paese”.

Approfondimenti