C’è Sanremo, ma l’informazione non si ferma (o quasi)

0
308
Il giornalista Roberto Vicaretti, conduttore di Titolo V. Foto da streaming.

È tempo di Sanremo, sono attesi quasi dieci milioni di italiani incollati agli schermi di Rai1, e per la concorrenza (e non solo) è tempo di correre ai ripari per evitare che gli slot di palinsesto più pregiati siano maltrattati dall’Auditel. Una pausa di una settimana che riguarda in particolare l’intrattenimento. Suo malgrado, ad esempio, Maurizio Crozza dovrà rifugiarsi nelle repliche il venerdì sera, così come Maria De Filippi non consegnerà “la posta” su Canale 5 al sabato sera. Ma Sanremo o non Sanremo, c’è chi non si ferma e si tratta dell’approfondimento di prima serata.

Giovanni Floris (“Di Martedì” su La7), Mario Giordano (“Fuori dal coro” su Rete4) e Bianca Berlinguer (“#Cartabianca” su Rai3) saranno regolarmente in onda nella consueta disfida del martedì. Barbara Palombelli, attesa all’Ariston venerdì, andrà in onda mercoledì su Rete4 con “Stasera Italia” e a farle concorrenza (oltre alla sfida quotidiana con Lilli Gruber e il suo “Otto e mezzo”) ci proverà Andrea Purgatori con “Atlantide” su La7. E sempre al mercoledì non si ferma di certo Federica Sciarelli con il suo “Chi l’ha visto?” su Rai3: una corazzata che non teme le “canzonette”… Ad incrociare le lame dello share il giovedì saranno i soliti Corrado Formigli (“Piazza Pulita” su La7) e Paolo Del Debbio (“Dritto e rovescio” su Rete4). Mentre il venerdì toccherà a “Propaganda live” di Diego Bianchi su La7 e a “Quarto grado” di Gianluigi Nuzzi su Rete4. Insomma tutti in onda o quasi. E sarà curioso vedere chi ne uscirà con le ossa rotte…

A fermarsi, invece, sono solo un paio di programmi proprio della Rai. Si tratta di “Re Start” di Rai2 (che però deve lasciare spazio a uno speciale “90esimo minuto”), condotto da Annalisa Bruchi, e di “Titolo V” di Rai3 condotto in prima serata il venerdì da Francesca Romana Elisei e Roberto Vicaretti. Da quelle parti l’Auditel ha già dimostrato il braccino corto. Evidentemente, soprattutto in casa Rai3, vogliono evitare i nanoshare. Devono infatti cercare di strappare la promozione alla prossima stagione televisiva. E i voti dell’Auditel, anche nella settimana di Sanremo, abbasserebbero ulteriormente la media in “pagella”…

Approfondimenti