Ces 2021. Le tecnologie contro il virus al centro della fiera dell’elettronica di Las Vegas

0
675

Il più importante evento dedicato all’innovazione e alla tecnologia, torna in modalità “remoto” per svelare il futuro prossimo dell’innovazione digitale. Da Lunedì prossimo 11 Gennaio fino al 14, il Consumer Electronic Show (Ces), che solitamente affollava i centri congressi di lussuosi resort di Las Vegas e il complesso fieristico della capitale del gioco d’azzardo americana, a causa della pandemia da Sars-Cov2 si traferirà su una piattaforma digitale in un intenso programma virtuale di convegni, presentazioni e visite da remoto.

Per l’edizione 2021 il luogo, tutto virtuale, dove si sono dati appuntamento esperti e addetti ai lavori (l’accesso diretto ai visitatori non registrati è infatti bloccato, che potranno comunque seguire parti selezionate attraverso le pagine del CES 2021 su Twitter, YouTube, LinkedIn e Facebook) è il sito www.ces.tech. Niente più strette di mano e biglietti da visita scambiati, quest’anno tutto viaggerà attraverso l’infrastruttura cloud di Microsoft Azure grazie alla partnership annunciata nei mesi scorsi tra il comitato organizzatore e il gruppo di Redmond.

Saranno circa mille le aziende che prenderanno parte al Ces 2021 virtuale, con oltre 150mila partecipanti previsti. Come ogni anno c’è attesa per scoprire a che punto è lo stato dell’arte dell’innovazione digitale delle auto, ma anche di computer, schermi Tv, smartphone, intelligenza artificiale e 5G. Nell’anno della pandemia poi, c’è grande interesse per le nuove tecnologie che potrebbero aiutare nella lotta al virus.

In particolare la parola d’ordine di quest’anno sarà “contacless”, ovvero le teconogie senza contatto portate alla ribalta dalla pandemia e che comprendono quasi tutti i settori tecnologici, dall’intelligenza artificiale al machine learning, passando per la guida autonoma all’internet of things e il 5G. Un esempio di grande interessa è rappresentato dalla Mayflower, il progetto di imbarcazione autonoma che sarà svelato dalla Ibm nel corso della chermesse. Una nave che, nell’idea dei progettatori, sarà in grado di navigare autonomamente attraverso gli oceani e trascorrere lunghi periodi di tempo da sola in mare. Un’imbarcazione che sarà dotata di una piattaforma per la raccolta di dati che aiuterà a salvaguardare la salute dell’oceano e delle industrie che supporta.

Un sicuro protagonista dell’edizione del Ces 2021 sarà il 5G. La nuova rete ultraveloce doveva avere il suo boom nell’anno appena concluso ma, a causa della pandemia, molto probabilmente mostrerà il suo reale potenziale con un po’ di ritardo. Il Ces di settimana prossima rappresenterà la prima possibilità per le aziende di mostrare le app 5G al grande pubblico. La prima esperienza 5G ‘nativa’ aperta a tutti i consumatori riguarderà le videochiamate. Un altro aspetto fondamentale nell’implementazione sarà nella telemedicina. Ma lo sviluppo del 5G sarà fondamentale anche nella didattica a distanza e per migliorare le condizioni di lavoro da casa in smart working. Delle applicazioni della rete 5G parlerà il CEO di Verizon Hans Vestberg in un appuntamento dedicato.

Ci saranno, poi, gli elettrodomestici sempre più intelligenti presentati da Samsung Electronics e LG Electronics, due dei più grandi espositori del Ces. Grande curiosità, nel settore degli smartphone, stanno suscitando le novità attese sui display che sono annunciati pieghevoli e addirittura arrotolabili. Sistemi che già in passato avevano fatto parlare di loro ma che avevano deluso le attese. Vedremo se il primo smartphone griffato LG con display arrotolabile, il primo a competere con il telefono pieghevole di Samsung, stavolta soddisferà le aspettative.

Non poteva mancare, infine, la categoria new entry delle tecnologie legate alla disinfezione e alla pulizia, inevitabile dopo un anno di Coronoavirus. LG Electronics presenterà il suo ultimo robot che sostituisce gli esseri umani in vari lavori di disinfezione. Avrà la capacità di navigare e operare autonomamente e la sua commercializzare è prevista in primis per i paesi più segnati dalla pandemia.

Approfondimenti