Cina. Nuovo colpo ai giganti tecnologici: Alipay smembrata. E i dati utenti finiscono al Governo

0
95

Big tech cinesi ancora nel mirino del governo centrale, impegnato da ormai quasi un anno a limitare lo strapotere di poche società tecnologiche in nome della “prosperità comune” e della “crescita equilibrata del mercato”. A finire nel mirino delle autorità di Pechino è, ancora una volta, Ant Group gigante cinese dei pagamenti online (nota al pubblico come Alipay) nato da una costola di Alibaba su intuizione del fondatore Jack Ma.

L’ultima stretta del Governo cinese nei suoi confronti è rappresentata dalla volontà di smembrare l’app di pagamenti e prestiti che ha rivoluzionato il modo di pagare nel paese della Grande muraglia, e allo stesso tempo allungare le mani sui dati degli utenti. Secondo quanto scrive il Financial times e riporta Gianluca Modolo su Repubblica, la volontà è quella di separare in società e app distinte le attività di Huabei (pagamenti con carta di credito virtuale) e Jiebei (piccoli prestiti non garantiti) finora unite. Il piano di Pechino prevede, inoltre, che i dati dei clienti di Alipay dovranno essere girati a una nuova joint venture di credit scoring, nella quale lo Stato avrà una quota di capitale rilevante. Questa nuova creatura avrà il compito di controllare le garanzie di coloro che richiederanno i prestiti che saranno erogati solo dopo l’ok della nuova organizzazione.

In questo modo Pechino punta a limitare e a controllare l’enorme mole di prestiti al consumo generati da Alipay in tutta la Cina e avrà sotto controllo i dati degli utenti. “Il governo ritiene che il potere monopolistico delle Big Tech venga dal controllo dei dati e vuole porvi fine”, ha spiegato una fonte vicina ai regolatori di Pechino citata dal
Financial Times.

Il miliardario di Hangzhou, Jack Ma, come sempre, sarà costretto ad accettare. Così come aveva accettato a malincuore lo stop all’ingresso in borsa imposto ad Ant a novembre scorso e la multa da 2,3 miliardi di euro imposta ad Alibaba per abuso di posizione dominante.

La notizia della nuova spallata del governo cinese a Jack Ma, ha subito provocato perdite in borsa per i titoli tecnologici. In particolare, Alibaba ha chiuso con un calo del 4,23%. Sullo stesso trend le altre big tech, con Tencent e NetEase che hanno perso entrambe il 2%, mentre Meituan il 4%.

Approfondimenti