Commissione vigilanza Rai: nessuno stop per talk show in campagna elettorale

0
137

sergio_zavoli.jpgVia libera ai talk show Rai durante la campagna elettorale per le amministrative. È quanto ha stabilito la Commissione di vigilanza della rete pubblica, risultato di un lungo lavoro di mediazione portato avanti dal presidente e relatore dell’organo Sergio Zavoli. La commissione, con il voto contrario del solo radicale Marco Beltrandi, ha così approvato il regolamento sulla par condicio con la riformulazione dell’articolo 8. I talk show non sono quindi assimilati alle tribune politiche e non hanno perciò l’obbligo di dare lo stesso spazio a tutti i numerosi candidati alla carica di sindaco o di presidente della provincia. Tale imposizione aveva infatti portato l’anno scorso alla chiusura delle trasmissioni di approfondimento politico nel periodo preelettorale. La commissione, con la mediazione di Zavoli, ha lavorato per evitare che anche questa volta si potesse poi arrivare a un simile risultato. “Grazie a Zavoli per una mediazione che salva il pluralismo e l’autonomia dell’informazione nel servizio pubblico – commenta Franco Siddi, segretario della Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi) – è un bene per il Paese che ci sia chi ancora riesca a dare un senso a un mandato pubblico per comporre, nelle decisioni finali, atti in nome dell’interesse generale di un bene che va assicurato in nome e per conto di tutti. Non possiamo oggi non ribadire il grazie al senatore Sergio Zavoli e a quanti si sono impegnati, nella Commissione di vigilanza Rai che egli presiede, per liberare l’informazione da qualsiasi limitazione o bavaglio e per assicurare il massimo di approfondimento ed espressione delle voci plurali nelle trasmissioni di approfondimento del servizio pubblico durante la prossima campagna elettorale per le amministrative”.