Concorso giornalisti Rai: frenata covid, ma il 12 marzo arriva la Campania

0
874
Foto by Markus Winkler on Unsplash.

Il covid non fa sconti e ha deciso di mettere lo zampino anche nel concorso Rai che inserirà 90 giornalisti (tra i 271 che hanno superato la prima prova) nelle redazioni della Tgr. Una candidata per la Regione Campania, infatti, è stata trovata positiva. Per fortuna il tampone di verifica ha dato esito negativo, ma l’incidente ha ritardato di qualche giorno i lavori della commissione. La giornalista – a quanto apprende AdgInforma.it – farà la prova mercoledì 10 marzo. Ed entro venerdì 12 conosceremo anche la graduatoria della Campania con sette “idonei vincitori”. A quel punto in Viale Mazzini avranno 32 “idonei” (per Basilicata, Bolzano, Calabria e Campania). In pratica un terzo dei 90 totali che devono essere assunti. E bisogna cominciare a preoccuparsi della tempistica. La “partita” la stanno giocando l’Usigrai, con il Segretario Vittorio Di Trapani, e l’ufficio del personale, guidato da Felice Ventura. Il sindacato dei giornalisti è in pressing per sopperire alle carenze di organico e consentire gli spostamenti già concordati nella Tgr e dalla Tgr verso le Testate nazionali. Il personale frena, guardando anche alle altre assunzioni che ha già in pancia e ai conti che certo non sorridono.

OPERAZIONE WEB – Ma quando verranno assunti, cosa faranno i 90 nuovi giornalisti nella Tgr? Naturalmente – nonostante i curricula siano già di buon livello, a volte con esperienze nel mondo della tv – saranno formati a 360 gradi perché possano fare un po’ tutto. Dopodiché – a quanto si apprende – molti di loro (al netto delle specificità che ognuno saprà dimostrare) saranno impiegati almeno inizialmente nel potenziamento del web della Tgr. Attualmente la Testata diretta da Alessandro Casarin ha 11 siti attivi. Devono diventare 24, ovvero uno per ogni redazione, con una line dedicata. Il compito di far decollare l’operazione Internet sarà del vicedirettore con delega al web Carlo De Blasio.

MODELLO VENETO – I giornalisti dovranno aggiornare i siti regionali e dovranno alimentare anche i social a partire dall’account Twitter, dalla pagina Facebook e dalla pagina Instagram. Un’operazione web che alla Tgr contano di chiudere per l’autunno 2021 quando sperano (Ventura permettendo) di essere a pieno regime. E c’è già un modello a cui ispirarsi, quello della Regione Veneto. Qui il caporedattore (a disposizione di Casarin) Silvio Giulietti, che collabora anche con la direzione Editoriale per l’offerta informativa di Giuseppina Paterniti per il nuovo Portale Rai24, ha già fatto un ottimo lavoro con un sito sempre aggiornato. E anche i social sono molto attivi. Basti guardare i Mondiali di Cortina…

Approfondimenti