Concorso giornalisti Rai: più di 700 tamponi a candidati e a personale

0
157
Foto da streaming.

Si sono concluse a Roma le prove individuali del concorso nazionale Rai per giornalisti, bandito nel 2019. Lo svolgimento della selezione, che prevede l’assunzione di 90 professionisti da destinare alle redazioni regionali, era stato congelato durante il primo periodo dell’emergenza Covid-19 e ripreso ad ottobre 2020 con le prove preselettive, svoltesi alla Nuova Fiera di Roma, a cui si erano candidati in 3700. Osservando i nuovi, rigidissimi, protocolli si è giunti ad una rosa di 271 giornalisti idonei allo svolgimento delle prove successive. Questa seconda parte si è svolta in cinquanta giornate, a partire dal 1 febbraio scorso, nella sede romana di via Salaria, anche qui nel pieno rispetto di stringenti norme anti-Covid. L’Azienda ha applicato un ancor più rigido protocollo di sicurezza per garantire a tutti la partecipazione alle prove nei tempi stabiliti, anche durante i mesi più critici della pandemia. Più di 700 sono stati i tamponi rapidi effettuati sistematicamente a candidati e a personale Rai. Oltre alle particolari misure di prevenzione applicate alla logistica, sono stati forniti dispositivi di protezione individuale ed è stato assicurato il pieno rispetto del distanziamento. Le graduatorie degli idonei sono state progressivamente elaborate al completamento delle prove per singola regione e il piano di assunzione è in corso. Lo scrive una nota di Viale Mazzini.

Approfondimenti