#ConvieneSaperlo. L’Antitrust lancia una campagna per far conoscere i diritti dei consumatori

0
508
Un immagine dello spot dell'Antitrust sui diritti dei consumatori - Foto: ufficio stampa Agcm

Quali sono i diritti dei consumatori? A chi si può denunciare la violazione di un diritto? Per conoscere queste e altre risposte sull’argomento, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato lancia la campagna #ConvieneSaperlo. Una iniziativa in favore dei consumatori con cui l’Antitrust vuole celebrare i 30 anni dalla sua fondazione.

I contenuti della campagna, curata insieme al Ministero dello sviluppo economico (MiSE) e finanziata da quest’ultimo, si svilupperanno a partire dal sito dedicato convienesaperlo.it e dagli spot su radio e tv e saranno poi ripresi anche sui canali social dell’Antitrust (Twitter, Facebook, Youtube e Instagram).

Sul sito sito sarà possibile trovare le informazioni utili sui diritti che devono essere garantiti al consumatore: dalla trasparenza al diritto al rimborso, quello di recesso e di decidere senza condizionamenti al diritto a clausole non vessatorie nei contratti.

Lo spot dell’Agcm in favore dei consumatori:

Ma la campagna non si fermerà a questo, ci sarà spazio anche alla formazione dei giovani consumatori, nella convinzione che l’informazione sui propri diritti è il punto di partenza per vederli poi applicati. Per questo sono previsti una serie di incontri-lezioni di formazione in scuole superiori e in università per informare sui diritti dei consumatori, sugli strumenti di tutela e sulle competenze del Ministero dello sviluppo economico e dell’Agcm in materia. L’attività di formazione proseguirà con incontri-convegni a favore di piccole e medie imprese presso centri congressi, Camere di commercio e Associazioni di categoria in modo da informare anche sugli obblighi che hanno le Pmi nell’assicurare i diritti ai consumatori previsti dalla legislazione italiana, a partire dal Codice del consumo.

Il percorso di diffusione di “#ConvieneSaperlo” si concluderà a settembre 2021 con un roadshow in tre tappe per raccontare la campagna e i risultati raggiunti ad un pubblico ampio di stakeholder, aziende, cittadinanza.

La direzione generale per la tutela del consumatore, guidata da Giovanni Calabrò, ha avviato numerosi procedimenti per combattere le pratiche commerciali scorrette, come ha evidenziato la relazione 2020 da poco presentata in parlamento che elenca tutte le truffe ai danni dei consumatori sanzionate dall’Antitrust.

Ma non tutti sono entusiasti di questa iniziativa: alcune associazioni di consumatori hanno polemizzato sulla campagna. “Nonostante il ruolo meritorio dell’Autorità, ci chiediamo a quale titolo l’Antitrust debba fare campagne informative – si chiede Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori -, considerata la cronica mancanza di personale che non le consente, talvolta, di rispondere tempestivamente alle segnalazioni dei cittadini e delle associazioni di consumatori”. “Quanto al merito della campagna di comunicazione – continua Dona – corriamo il rischio che si veicoli un messaggio quantomeno impreciso e cioè che l’Antitrust si occupi direttamente di tutelare i consumatori, quando in realtà le meritorie azioni dell’Autorità impattano certo positivamente sul mercato, ma non possono entrare nel merito della singola controversia tra consumatori e imprese”. “Per queste ragioni abbiamo deciso di scrivere al Mise” conclude Dona.

Approfondimenti