Damilano. Cdr reti Rai: “Novità su palinsesto si apprendono da stampa”

0
344
Marco Damilano - Foto da Wikimedia Commons

“Il nuovo programma di Rai3 affidato a Marco Damilano rappresenta solo l’ultimo episodio in cui la rappresentanza sindacale ha appreso dalla stampa le novità di palinsesto, in violazione del contratto giornalistico. Eppure il contratto tutela i giornalisti, e il loro lavoro, in quanto tali, indipendentemente dalla loro collocazione o meno in una testata, la Rai deve prenderne atto”. Con queste parole il Cdr della Direzione editoriale per l’offerta informativa Rai, torna a criticare la decisione dei vertici aziendali di affidare una striscia informativa alle 20,35 su Rai tre.

“Senza voler mancare di rispetto ad un professionista di grande autorevolezza come è Damilano – continuano i giornalisti -, a questo Cdr è stata finora negata la possibilità di qualsiasi forma di confronto sostanziale con le nuove direzioni di genere, che stanno operando sulla testa di 180 giornalisti tenuti all’oscuro di tutto. Si spera che in futuro ci sia consentito questo confronto e che siano rispettati i diritti sindacali dei colleghi che opereranno nelle nuove direzioni. Al momento prendiamo atto dell’ennesima scelta che ricade su un esterno, solo l’ultimo di una lunga lista, con un ulteriore aumento dei costi, per un programma che oltretutto visto l’orario si sovrappone all’informazione del Tg2”.

Approfondimenti