Dietro l’ossessione Tik Tok – a cura di Telpress

0
227
Il logo dell'app cinese TikTok

II Nyt svela AlgolOl: l’algoritmo che crea l’ossessione Tik Tok  (Fatto p.20): dietro quei sistemi che fanno in modo che quando apriamo Facebook, Instagram o Twitter vediamo una determinata selezione di contenuti e non altri. La credenza è che siano una matassa di formule matematiche e istituzioni che si nutrono dei nostri dati. Di fatto, Tik tok è più una piattaforma di intrattenimento che di socializzazione, i giovanissimi ne guardano i video come gli adulti fanno con la tv, ma passivamente perché si affidano alla casualità di un palinsesto – la sequenza che possono scorrere – che è perfettamente cucito sulle loro preferenze. Non hanno il telecomando, ma possono cambiare video con il pollice. Ma come vengono profilati questi interessi? Con pochi indicatori.