Diritti Tv: Tribunale boccia il bando di Mediapro sulla Serie A

0
188

Alla fine, l’ha spuntata Sky Italia. Il Tribunale civile di Milano ha confermato la sospensiva del Bando formulato dall’intermediario spagnolo Mediapro il 6 aprile scorso per l’assegnazione dei diritti tv della Serie A 2018-2021. Ora la gara è bloccata e si dovrà procedere a una riformulazione del bando che non preveda violazioni delle indicazioni dell’Antitrust. Le attenzioni del giudice Claudio Marangoni si sono concentrate in particolare sull’ “abuso di posizione dominante” configurato da Mediapro nel “predisporre pacchetti informativi e pubblicitari” da 270 minuti. Così facendo l’intermediario ha violato le indicazioni Antitrust del 14 marzo scorso che gli vietano di avere “responsabilità editoriale”. Gli spagnoli avrebbero avuto “un vantaggio competitivo indebito”, avrebbero provocato “gravi squilibri al mercato” nel triennio 2018-21 e avrebbero arrecato “danno” ai singoli operatori della comunicazione. Violati, infine, gli obblighi di trasparenza con la secretazione della base d’asta presso un notaio.

Il rebus spagnolo

Adesso Mediapro ha 15 giorni per fare ricorso. Ma ha meno di 15 giorni per presentare una fideiussione da un miliardo alla Lega Calcio. Continuerà la partita in tribunale? Oppure lascerà le aule giudiziarie e riformulerà il bando presentando contestualmente la fideiussione? O infine punterà a convincere la Confindustria del calcio a battezzare il Canale della Lega? Entro il 22 maggio, data dell’assemblea di Lega (quella del 15 è un pro forma e andrà deserta) lo sapremo. L’unica certezza è che la Serie A i soldi li vuole: “La scadenza del 22 maggio per la presentazione della fidejussione da parte di Mediapro vale ancora, oggi più che mai”, parola di Giovanni Malagò, presidente Coni e commissario della Lega di A.


Sky: “Importante offerta che possa dare certezza a tutti gli appassionati”

“La decisione del Tribunale di Milano – commenta Sky Italia in una nota stampa – ha confermato che era necessaria una verifica dell’aderenza del bando di Mediapro alle leggi italiane, facendo chiarezza a beneficio di tutti i partecipanti e creando i presupposti per la definizione della procedura di assegnazione dei diritti 2018-21 della Serie A. Sky ribadisce di essere pronta come sempre a fare la sua parte con un’importante offerta che possa dare certezza a tutti gli appassionati e allo stesso tempo garantire il futuro dei club e di tutto il sistema calcio”.