Diritti Tv: Urbano Cairo fa il “Giro d’Italia”. Prossima tappa in Rai

0
891

Il 31 dicembre sono scaduti i diritti tv del Giro d’Italia di ciclismo. Immagini detenute, insieme a quelle delle grandi classiche (Milano-Sanremo e Giro di Lombardia) dalla Rai che nel passato biennio le ha acquistate dalla Rcs Sport di Urbano Cairo per circa 10 milioni a stagione. É tempo di trattative, insomma, e non a caso il patron del Torino nei prossimi giorni – a quanto apprende AdgInforma.it – sarà nella Capitale. E tra gli incontri in agenda ce n’è uno anche con il direttore dei diritti sportivi Rai Pier Francesco Forleo.

INTAVOLERANNO UNA TRATTATIVA, con Cairo determinato a spuntare una cifra più alta e la Rai (alle prese con problemi di cassa) convinta di poter chiudere alle stesse cifre dello scorso biennio. D’altronde la pandemia non ha risparmiato nessuno, a partire dagli inserzionisti della pubblicità. E non vanno sottovalutate le difficoltà incontrate in queste settimane per disegnare il Giro d’Italia in uno stivale a semafori gialli, arancioni e rossi che non è detto riesca a far transitare le biciclette. Ad infastidire la Rai nella trattativa, stando ai boatos di questi giorni, potrebbe essere il Gruppo Discovery che non contento di trasmettere le gare in pay su Eurosport vorrebbe portare le tappe al pomeriggio sul canale Nove in chiaro. Ma al settimo piano – dove qualcuno sospetta che sia stata una voce fatta circolare ad arte – dormono sonni tranquilli: potranno giocarsi un diritto d’opzione per il biennio 2021-22 che consente al servizio pubblico l’ultimo rilancio… Ma non c’è tempo da perdere per la firma. La Corsa Rosa – prevista tra l’8 e il 30 maggio 2021 – va presentata tra fine gennaio e inizio febbraio…

Approfondimenti