Disabili discriminati anche nella pubblicità

0
145

disabile.jpgI disabili sono quasi invisibili negli spot pubblicitari italiani. L’Osservatorio nazionale permanente sulla comunicazione e la disabilità dell’università Iulm di Milano ha recentemente pubblicato i risultati della ricerca “Comunicare la disabilità”. Sulla base di un database di 26 mila messaggi pubblicitari, è emerso che solo nel 3% degli spot commerciali italiani è presente un disabile, contro il 26% delle pubblicità straniere. Anche quando vi sono persone disabili, queste vengono affiancate da normodotati. Si tende inoltre a rappresentare solo i due estremi: un’immagine pietistica oppure una eroica, non c’è via di mezzo. All’estero, invece, si comunica con maggiore semplicità la reale condizione vissuta dai disabili.