Disney presenta i suoi progetti agli investitori e punta sullo streaming

0
505

Mancano poche ore all’incontro annuale della Disney con i suoi investitori. Stasera alle 22,30 italiane la casa di topolino darà i suoi annunci per il futuro prossimo. C’è attesa è per le annunciate novità relative a Pixar, Marvel Studios e tutte le altre case di produzione sotto l’egida della major: non ultima Lucasfilm, che sarà grande protagonista con il franchise di Star War. Al di là dei titoli attesi dai fan, ciò che sicuramente sarà al centro dell’evento sarà Disney+, la piattaforma di contenuti streaming lanciata un anno fa e che sta facendo registrare numeri da capogiro. Con quasi 74 milioni di abbonati nel suo primo anno di vita, favoriti probabilmente anche da un anno particolare come questo che sta per chiudersi, le piattaforme streaming stanno diventando sempre più centrali per il colosso dell’intrattenimento statunitense. Numeri inaspettati per la stessa Disney che prima del lancio contava di raggiungere questa mole di abbonati entro il 2024.

A certificare il successo di Disney+ il dato, scaturito da una analisi di 7Park Data, che ha incoronato la serie tv The Mandalorian, ambientata nel mondo di Star Wars, come la più vista nel mese di Novembre considerando le principali piattaforme concorrenti. Davanti, con distacco, persino alla tanto celebrata Regina degli scacchi di Netflix.

È evidente dunque che Disney+ sia l’asset principale in mano al gruppo fondato ormai quasi un secolo fa dai fratelli Disney. Soprattutto nell’anno della pandemia e dei lockdown in cui i ricavi provenienti dal cinema e dai grandi parchi a tema sono stati praticamente azzerati.

Le altre aree Disney al momento restano meno strategiche ma assicurano ancora buoni margini. Come scrive Claudio Plazzotta su ItaliaOggi, il management della società deve decidere la strada da prendere: dove investire e dove disinvestire. Puntare a Disney+, dove si distribuiscono in esclusiva contenuti pregiati come i mondi Marvel, Star Wars, XMen, Pirati dei Caraibi, Pixar, Disney, National Geographic, Simpson, significa per esempio anche rinunciare a notevoli ricavi da licensing di questi titoli ceduti su altre piattaforme. E i network televisivi tipo Abc, con un business in declino, valgono ancora miliardi di dollari di ricavi.

Di certo c’è che quella di stasera sarà l’occasione per presentare ufficialmente Star, la nuova piattaforma di streaming nata dall’acquisizione di Star India. La sua principale funzione sarà quella di sopperire alla mancanza di Hulu, altra piattaforma di serie tv e film che fa capo a Disney, al di fuori degli Stati Uniti. Star, inoltre, comprenderà tutti i contenuti che non sono family friendly e quindi non presenti su Disney+, legati a marchi come ABC, FX, Freeform, Searchlight e 20th Century Studios.

Tornando invece alle anticipazioni dei contenuti, di certezze ce ne sono poche, anche se da giorni girano voci sugli altri film che potrebbero finire direttamente su Disney+. Tra questi i più gettonati sembrano essere Pinocchio di Robert Zemeckis; Peter Pan and Wendy di David Lowery e Cruella, il film su Crudelia De Mon con Emma Stone. Per quanto riguarda Black Widow, il cinecomic Marvel con protagonista Scarlett Johansson, sembra che la Disney sia sempre interessata a portare il film nelle sale. Per quanto riguarda le serie, oltre a The Mandalorian, sarebbero in cantiere quelle su Obi-Wan Kenobi e Cassian Andor, parlando della famiglia di Star Wars. Sul fronte Marvel ci attendono titoli come WandaVision, The Falcon and The Winter Soldier, Hawkeye, Loki, Ms Marvel, Moon Knight, She-Hulk. Tutte chiaramente da gustarsi in streaming su Disney+.

Approfondimenti