Editoria: partnership Gedi-Froomle per migliorare lettura online

0
172

Gedi ha avviato una partnership con Froomle, il principale provider di self-learning recommendation, per sviluppare nuovi servizi digitali personalizzati da offrire sui siti web delle diverse testate del Gruppo. Gli utenti dei siti Gedi – spiega una nota del Gruppo – possono da oggi arricchire la loro esperienza di lettura attraverso la proposta di contenuti personalizzati, scelti in base ai loro interessi e preferenze. Grazie al tool digitale di Froomle articoli, video e gallery verranno selezionati e suggeriti a ciascun utente attraverso un’applicazione di intelligenza artificiale capace di apprendere e aggiornare costantemente le preferenze del lettore. Questo migliorerà l’esperienza degli utenti, rendendo più facile la ricerca dei contenuti: in ogni momento potranno infatti trovare sui propri device esattamente gli argomenti di loro interesse. La nuova esperienza di lettura ottimizzata e personalizzata è già disponibile su repubblica.it da diverse settimane, dove ha conseguito risultati importanti, come l’aumento del 100% del click-through rate, che dimostra come contenuti personalizzati siano capaci di rendere i lettori più attivi e interessati. Il tool è attualmente in fase di implementazione anche su lastampa.it e sugli altri siti delle testate Gedi.

Daniele Bianchi, Digital Managing Director di Gedi, ha dichiarato: “Il servizio offerto da Froomle è un nuovo passo avanti nella nostra strategia di digitalizzazione, che ci aiuterà a integrare il nostro giornalismo di grande qualità con un’esperienza di lettura migliore: rafforzando la relazione con i nostri lettori, potremo offrire loro una nuova e interessante gamma di servizi sulle nostre piattaforme”.

Koen Verstrepen, Amministratore Delegato di Froomle, ha commentato: “Siamo felici di lavorare con Gedi per implementare e migliorare la reading experience sul mercato italiano. Lavorando con Froomle, siamo certi che Gedi aumenterà l’engagement e la conversion rate dei lettori sulle proprie piattaforme”.