Elezioni giornalisti, Carlo Verna: “Ad aprile non si vota, ora chiarimenti”

0
921
Foto by Markus Winkler on Unsplash.

L’11 aprile – e a seguire 18 e 25 aprile per gli eventuali ballottaggi – i giornalisti non potranno votare per il rinnovo del Consiglio nazionale dell’Ordine né col voto telematico – non ancora operativo – né con quello in presenza reso impossibile dalla pandemia. Lo spiega il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, che ora chiede chiarimenti su come procedere al ministero competente ovvero quello della Giustizia. “Sembra evidente a tutti – annuncia Verna – che ad aprile non si potrà votare. Lo indica con chiarezza il decreto legge 25/2021 nelle premesse al rinvio di una serie di appuntamenti elettorali. È invece dubbio se la normativa sia immediatamente applicabile agli Ordini professionali e in particolare al nostro. Ieri è partita una terza lettera (per conoscenza inviata stavolta anche alla Presidenza del Consiglio) che sollecita chiarimenti e l’intervento del ministero vigilante. Entro certi limiti i ritardi possono pertanto essere comprensibili. Ma con o senza risposte entro venerdì si dovrà decidere non il da farsi – perché votare non si può – ma come procedere visto che i nostri organismi (non solo il Nazionale ma anche la stragrande maggioranza dei Regionali) sono già in prorogatio”.

INCONTRO LUNEDI’ – Insomma Verna – con un mandato scaduto il 25 ottobre del 2020 e senza poteri di firma – chiede una proroga formale del proprio mandato per garantire una guida all’Ordine professionale e magari l’implementazione anche del voto telematico. Ma probabilmente gli basterebbero dei chiarimenti interpretativi che potrebbero arrivare o nel decreto “sostegni” atteso per venerdì prossimo o nell’incontro che Verna – a quanto apprende Adginforma.it – avrà al ministro della Giustizia lunedì 22 marzo. “La salute dei colleghi vale di più di ogni voto e il comportamento che terremo – conclude il presidente dell’Odg – sarà conseguente a questo principio non negoziabile”.

Approfondimenti