Elezioni Ordine. Il ministero: “basta rinvii”, in autunno si vota

0
336
Foto da Ufficio stampa Odg.

Basta proroghe, le elezioni per il rinnovo delle cariche degli Ordini regionali e di quello nazionale, si devono fare. L’out out arriva direttamente dalla direzione Affari generali del ministero della Giustizia che, in una nota formale chiede al Cnog “di fornire indicazioni in ordine alla data individuata da codesto Consiglio e alle modalità di esercizio del voto”. Da via Arenula specificano che “qualora non sia possibile, per qualsivoglia ragione, svolgere le elezioni con modalità telematiche, sarà comunque necessario che la tornata elettorale sia tenuta con le modalità ordinarie ossia, di presenza, sia pure con l’adozione delle cautele ritenute più opportune dagli Ordini interessati per prevenire il rischio epidemiologico, al fine di evitare la prosecuzione del mandato degli organi scaduti e di consentire il ricambio fisiologico delle cariche elettive della categoria professionale”.

Un voto tribolato – In presenza o in modalità telematica, dunque, per il ministero è giunta l’ora di votare. L’ultimo rinvio, il quinto, era stato accordato il 1 Aprile scorso contenuto nel decreto n. 44 quello contenente le “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da Covid-19, in materia di vaccinazioni anti Sars-coV-2, di giustizia e di concorsi pubblici”. I sei mesi concessi scadranno il 30 settembre prossimo. Entro questa data andranno indette le elezioni che rinnoveranno i vertici degli Ordini scaduti ormai dal lontano ottobre 2020, quando erano state fissate le prime elezioni. Da quella prima data, causa pandemia, si sono succeduti altri quattro rinvii: inizialmente la tornata elettorale era stata rimandata a Novembre (il 15 e 22), poi a Febbraio 2021 (il 14 e 21) con la possibilità, autorizzata dal ministero della Giustizia, del voto elettronico. Infine l’ultima data stabilita era stata fissata per il 18 e 25 Aprile scorso, saltata anche questa. Vedremo se questa volta, a quasi un anno dalla scadenza naturale, sarà quella buona per votare.

Approfondimenti