Enrico Ruggeri: “Partita del cuore” su Canale5, Rai1 “elefantiaca”

0
457
Enrico Ruggeri, Foto da streaming

Dopo 30 anni “La partita del cuore” sbarca su Canale 5. Martedì 25 maggio, in prima serata la racconterà Federica Panicucci. Perché non sarà su Rai1 lo spiega Enrico Ruggeri. Cantautore, scrittore, conduttore e giocatore appunto della nazionale cantanti, in questi anni ha raccolto con i suoi colleghi quasi 100 milioni di euro da devolvere in beneficenza. Perché la “Partita del cuore” verrà trasmessa da Mediaset e non dalla Rai?, gli chiede Gianluca Veneziani su Libero. “Il passaggio su Mediaset si spiega con la ricerca dell’entusiasmo. Mediaset ci ha contattati e abbiamo visto in loro un’enorme voglia di fare. Rai1 invece è diventata elefantiaca, non particolarmente votata né alla qualità né agli ascolti, come i risultati dimostrano”. Poi la chiacchierata continua e ad un certo punto spunta Fedez. Ha sbagliato a utilizzare il servizio pubblico per fare un comizio politico?, gli chiedono. “Credo che la Rai sia caduta in una trappola mediatica tesa da Fedez”. E in chiusura di intervista Ruggeri racconta anche dei suoi trascorsi proprio nel servizio pubblico. In Rai lei ha condotto un programma di successo, Una storia da cantare, voluto dal precedente direttore di Rai1, Teresa de Santis. Poi il programma è stato interrotto. Perché? “Non sono stato più voluto perché ero il manifesto di una cosa perfettamente riuscita appartenente alla gestione precedente di Rai1, quella in odore di Salvini, e non allineata con la nuova gestione, più vicina al Pd. Io ho fatto qualità e quantità, ottenendo il 50% in più degli ascolti fatti da altri programmi analoghi, che spendono tuttavia il quintuplo. Ma la Rai, si sa, non premia le cose che vanno bene, segue altre dinamiche”. Amen…

Approfondimenti