Fuortes si smarca da Salini e ai direttori Rai dice: “Parlate con me”

0
1420
L'ad Rai, Carlo Fuortes, e il presidente Rai, Marinella Soldi. Foto da ufficio stampa Rai.

Carlo Fuortes ha impugnato lo “scettro” Rai e nell’audizione in commissione di Vigilanza ha fornito un assaggio di come intende governare la tv di Stato. Innanzitutto conti in ordine. “Non presenterò mai un budget in perdita”, ha esordito. E la cosa non avrà fatto piacere al suo predecessore Fabrizio Salini che più volte aveva rivendicato nelle dichiarazioni d’addio a Viale Mazzini la chiusura di tre esercizi in pareggio. Evidentemente anche i numeri possono essere letti in maniera soggettiva… Fuortes, dunque, pretende un bilancio in salute, ha subito applicato un taglio dell’1% delle risorse assegnate alle diverse strutture, ha promesso di non toccare il prodotto (la qualità dell’offerta “rappresenta il valore di un’azienda culturale”) e ha annunciato il buon andamento degli introiti pubblicitari (in arrivo una ventina di milioni in più). Interventi necessari a togliere il meno dal budget 2021: -57 milioni, che in realtà sarebbero -48. “L’indebitamento è arrivato a 300 milioni, andando avanti di questo passo – altra stoccata a Salini – nel giro di pochi anni la Rai sarebbe costretta a portare i libri in tribunale”. Quindi un occhio alle news: faremo “un’informazione plurale, completa e imparziale”. E a proposito di par condicio: sospensione temporanea della possibilità per i volti Rai di andare ospiti in trasmissioni di emittenti concorrenti.

I CASI SINISI E VARRIALE – Poi un passaggio sul personale promettendo di premiare “merito, trasparenza e pari opportunità”. Fuortes ha cominciato un giro di colloqui con tutti i direttori e – a quanto apprende AdgInforma.it – avrebbe messo subito in chiaro una cosa: “Sarò il vostro unico referente”. Come dire, non andate a chiedere in giro ai consiglieri o ai sindacati, perché qui le decisioni per i prossimi tre anni le prendo io… Infine un accenno alle prime (rumorose) decisioni: Enrico Varriale non è più vicedirettore di RaiSport perché – e AdgInforma.it lo ha scritto da subito – il direttore Auro Bulbarelli non ne ha chiesto la conferma. E la procedura che ha portato al licenziamento del direttore Canone e Beni artistici Nicola Sinisi “è stata corretta”. Occhi puntati al digitale, al contratto di servizio e ai target giovanili, invece, da parte del presidente Marinella Soldi. Conosce questo mondo, e avrebbe potuto anche indossare i panni dell’ad. Se andranno d’accordo sarà un’ottima risorsa per Fuortes. Buon lavoro…-

Approfondimenti